Un ostacolo invisibile per la Carta dei diritti di internet

di Stefania Leone - 29.07.2015
Un ostacolo invisibile per la Carta dei diritti di internet
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Dopo un anno di lavoro, è in dirittura d’arrivo la Carta dei diritti di Internet, voluta dalla Presidente della Camera Laura Boldrini, per la tutela e  la sicurezza di chi viaggia in rete.

Stavolta l’Italia ha anticipato i partner europei. Proprio come era accaduto nel 2013 quando il nostro paese decise di aggiornare la normativa sull’accessibilità e l’usabilità dei siti e delle applicazioni internet,  adeguandoli all’evoluzione tecnologica, al web 2.0 e ai requisiti internazionali. Ma far applicare le leggi è tutt’altra cosa: il  divario tra la teoria e la pratica resta tutt’oggi troppo ampio.

Secondo gli ultimi dati disponili, nel nostro Paese tra i siti web istituzionali solo il 5% è accessibile. Tra le principali cause: documenti pdf immagine, sezioni di pagine non fruibili con la tastiera, menù, pulsanti e link non etichettati e pertanto non usabili da chi, a causa di  disabilità, utilizzi tecnologie assistive come screen reader nel caso di ciechi parziali o totali. Per non parlare di filmati  e video senza audiodescrizioni o senza sottotitoli per persone sorde, e con linguaggi troppo complicati per persone con  difficoltà cognitive.

E che dire delle enormi difficoltà che molte persone con disabilità incontrano nel consultare orari dei treni e aerei, acquistare un biglietto ferroviario, prenotare visite mediche? Tra l’altro, tanto per fare un esempio nel settore privato, gli istituti bancari non sono vincolati  alla legge per l’accessibilità dei loro siti internet, ma quanti correntisti disabili potrebbero invece acquisire!

La verità è che, analogamente a quanto accade nella costruzione di un edificio, è meno oneroso costruire senza barriere che abbatterle a posteriori. Così anche lo sviluppo corretto di un’applicazione internet, va fatto a livello progettuale. In modo da abbattere di molto  il costo dell’accessibilità, evitando così  l’oneroso lavoro di ritoccare  applicazioni, pagine e contenuti web, per poi  nuovamente ritestare tutto il progetto per controllarne il corretto funzionamento!

Pubblicato in E-accessibilità.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Oggi il linguaggio dei segni ha anche la voce

    Da oggi il linguaggio dei segni ha una voce. Merito di Mohamed Elwazer, 28enne rampante imprenditore, sociale, egiziano, che ha inventato un dispositivo per tradurre i segni in parole e viceversa. Si chiama KinTrans. Che, come fanno alcune consolle di giochi, legge i movimenti nello spazio grazie a un controller Leggi tutto.

  • Al via il Forum europeo sull’accessibilità del Web

    Che ruolo possono svolgere le tecnologie digitali nel garantire la piena inclusione delle persone disabili? L'accesso all'online è in grado di fornire nuovi strumenti a chi ha un handicap e consentirgli di partecipare pienamente alla vita sociale? Attorno a queste domande ruota l’11° edizione del Forum europeo sull’e-accessibilità, che si Leggi tutto.

  • Il difficile accesso a Internet dei disabili americani

    Tra gli americani che dichiarano di non avere mai navigato in Internet, quelli con una disabilità sono il triplo (23% contro 8%). A dirlo, un sondaggio del Pew Research Center. Che sottolinea anche come chi ha un handicap sia meno propenso a sottoscrivere un contratto con una compagnia che si Leggi tutto.

  • Mettiti nei panni di un internauta disabile con #NoMouse Challenge

    Un’iniziativa mondiale per sensibilizzare a proposito dell’importantissimo tema dell’accessibilità del Web. Si tratta del #NoMouse Challenge e per lanciare la sfida basta seguire questi tre semplici passaggi: Fase 1. Utilizzate il Web senza mouse. Provate alcuni dei vostri siti preferiti utilizzando solo i comandi della tastiera. Dopo averlo fatto rispondete alle seguenti domande: Posso Leggi tutto.

  • Le nuove professioni tecnologiche per non vedenti

    L’accessibilità digitale per non essere una barriera architettonica 2.0 deve superare l’esame-disabile, in particolare di quello non-vedente. Perché, spiega a West Stefania Leone divenuta cieca a circa 30 anni, chi non vede è il vero, nuovo professionista in questo campo. Ci fa capire meglio in che consiste questa particolare expertise. Si tratta Leggi tutto.

  • I disabili spiegano come utilizzano i servizi Apple

    Sady, una video editor con paralisi cerebrale, utilizza un complicatissimo software con l'aiuto dell’ultimo ritrovato nel campo della tecnologia assistiva. Si tratta di una delle storie presenti sulla rinnovata pagina dedicata all’accessibilità del colosso informatico Apple. A differenza della versione precedente del sito, che mostrava quello di cui l’azienda è Leggi tutto.