Un chiarimento sulla coltivazione domestica della cannabis

di Roberta Lunghini - 25.07.2017

In Italia, non è reato coltivare marijuana in casa propria, purché lo si faccia in modo “domestico”. E non, invece, “secondo le regole della buona tecnica agraria”. Così si legge in una recente sentenza della Cassazione che ha assolto, perché il fatto non sussiste, un imputato nella cui abitazione erano state trovate 6 piantine di cannabis dell’altezza di 90 cm ciascuna, dalle quali si poteva ricavare un quantitativo di stupefacente pari a due volte la soglia consentita per la detenzione personale. I Supremi Giudici, adottando un differente orientamento giurisprudenziale e richiamando anche una precedente decisione della Consulta, hanno fatto presente che nei casi come questo, non è “sufficiente considerare il solo dato quantitativo di principio attivo ricavabile dalle singole piante, dovendosi valutare anche l’estensione e il livello di strutturazione della coltivazione; in modo tale da verificare se da essa possa derivare o meno una produzione potenzialmente idonea ad incrementare il mercato”. Nella fattispecie, dunque, le risultanze istruttorie avevano permesso di accertare che si trattava di uso personale, visto che non è stato rilevato nessun elemento che potesse far pensare a un’attività di spaccio.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • La droga più diffusa in Italia è la cannabis

    La cannabis rappresenta ancora la quota maggiore del mercato italiano delle sostanze illecite. Ciò è dovuto sia alla sua importazione da molti Paesi di approvvigionamento, ma anche all’aumento della produzione interna. Di rilievo il fatto che i cannabinoidi sono oltre il 90% del totale degli stupefacenti sequestrati nella nostra Penisola. Leggi tutto.

  • Non neghiamo la cannabis ai malati di sclerosi multipla

    Le persone con sclerosi multipla nel Regno Unito dovrebbero essere autorizzate a utilizzare legalmente la cannabis per alleviare i loro sintomi. Secondo un rapporto della MS Society 1 paziente su 10 in questa situazione soffre una condizione il cui dolore non può essere trattato con i farmaci attualmente messi a Leggi tutto.

  • In Uruguay al via la vendita di cannabis in farmacia

    Il governo dell'Uruguay ha dato il via libera alla vendita di cannabis per uso ricreativo nelle farmacie. Sono 16 per ora quelle che si sono registrate per poterlo fare, ma ci si aspetta che saliranno a oltre 30 nei prossimi mesi. Il Paese sudamericano ha permesso la coltivazione, la distribuzione Leggi tutto.

  • Cannabis, sì della Camera alle firme sulla legge popolare

    La Camera dei Deputati italiana ha dato il via libera alle firme sulla legge popolare per la legalizzazione della cannabis nel nostro Paese. La Presidente Laura Boldrini, infatti, ha informato l'Associazione Luca Coscioni e i Radicali Italiani che il controllo dei certificati elettorali consegnati l'11 novembre scorso a sostegno della proposta Leggi tutto.

  • In Nevada la marijuana vittima del suo successo

    Boom di vendite di marijuana in Nevada ad appena una settimana dall'entrata in vigore della legge sulla legalizzazione votata a novembre. È solo dal 1° luglio, infatti, che nello stato americano è stata autorizzata la commercializzazione della cannabis a uso ricreativo. Una normativa che ha determinato un vero e proprio Leggi tutto.

  • I giovani italiani tra i maggiori consumatori di cannabis

    L'Italia è seconda in Europa per consumo di cannabis tra i giovani. Il 19% dei ragazzi del Bel Paese, infatti, ha fatto uso di marijuana nel corso degli ultimi dodici mesi, si tratta di una percentuale inferiore solo a quella della Francia, che ha registrato il 22,1% di consumo nella Leggi tutto.