Un bando per le imprese che impiegano disabili e immigrati

di Ivano Abbadessa - 04.07.2017
Un bando per le imprese che impiegano disabili e immigrati
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Le imprese sociali, come quelle che impiegano disabili, disoccupati, migranti e richiedenti asilo, potranno beneficiare di prestiti a un tasso di interesse agevolato. Questo sarà possibile grazie al primo accordo di garanzia per l'imprenditoria sociale in Italia siglato fra il Fondo europeo per gli investimenti e Banca Etica. Sostenuto dai fondi UE, la Banca Etica sarà in grado di erogare prestiti per un valore complessivo di €50 milioni a 330 imprenditori sociali nei prossimi 5 anni. Per maggiori informazioni si può visitare l'apposita pagina web.

Pubblicato in Impresa sociale.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Alla Biennale di Venezia anche gli architetti Robin Hood

    Gli architetti presenti alla Biennale di Venezia hanno voluto sottolineare quest'anno la loro capacità di affrontare le sfide della disuguaglianza e della povertà nel mondo. Tanti i progetti che si concentrano su soluzioni semplici ed ecologiche contro i disequilibri del pianeta. Con il titolo “in diretta dal fronte”, la 15° Leggi tutto.

  • Un bando per le start up del nuovo sociale

    Sono aperte fino al 25 maggio le iscrizioni al concorso #NatiPer. Promosso da Axa, si propone di premiare la migliore innovazione in campo sociale. Gli ambiti sono quattro: alimentazione, persone e salute, ambiente e sostenibilità, cultura e istruzione e possono partecipare singoli concorrenti, imprese, start up, associazioni, fondazioni. In palio Leggi tutto.

  • Bando europeo premia le migliori idee sul sociale

    Saranno aperte fino all’8 aprile le iscrizioni per il Concorso europeo per l'innovazione sociale 2016. Promosso ogni anno dalla Commissione europea, l'iniziativa premia le migliori idee per promuovere l'inclusione, l'occupazione e lo sviluppo sociale. L’edizione di quest'anno, con un focus particolare su progetti che prevedono la collaborazione di rifugiati e Leggi tutto.

  • Quante sono le imprese sociali in Italia

    Le imprese sociali attive in Italia sono 56.650; il 36% delle quali gestite da donne. Si tratta di una cifra che è aumentata del 4,2% in un anno e del 12,8% rispetto a quattro anni fa. Il totale degli addetti ammonta a oltre 682 mila. La prima città del Paese Leggi tutto.

  • Le figure professionali più ricercate dalle imprese non profit

    Educatori professionali, operatori sociosanitari, figure tecniche delle mediazione sociale ed interculturale, psicologi e assistenti sociali sono le figure professionali più ricercate dalle imprese non profit italiane. Per quanto riguarda, invece, la distribuzione geografica si rileva un fabbisogno di quelle intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione, soprattutto in Lombardia (25,3%), Veneto Leggi tutto.

  • Un motore di ricerca etico che sfida Google

    Si chiama Lilo il motore di ricerca etico che fa concorrenza ai giganti dell’informatica. A differenza di Google o Yahoo, utilizza il traffico degli utenti non per trarre profitti pubblicitari, ma per finanziare progetti sociali. Semplicemente navigando. Ogni volta che si effettua una ricerca, infatti, l'internauta guadagna simbolicamente una goccia d’acqua. Leggi tutto.