Trovato il modo di non far partire l’auto se hai bevuto

di Angelica Basile - 11.01.2017

È grazie a Ignition interlock se molti stati USA, tra il 2004 e il 2015, hanno registrato uno storico -7% degli incidenti stradali legati all’alcol. A sostenerlo uno studio pubblicato sull’autorevole American Journal of Preventive Medicine che ha elogiato questo speciale etilometro inserito all’interno delle automobili, dotato di un boccaglio nel quale il guidatore prima di mettere in moto deve soffiare. Con questo semplice test, molto simile a quello utilizzato dalle autorità di polizia nei posti di blocco, in pochi secondi viene rilevato il tasso alcolemico di chi è al volante e, se supera i limiti consentiti dalla legge, il veicolo non si accende. In 26 dei 50 stati americani (così come in Canada) è stato introdotto l’obbligo di installare Ignition Interlock a bordo come alternativa alla revoca della patente per chi è stato colto in fragranza di reato mentre guidava ubriaco. Un metodo efficace non solo per rendere le strade più sicure, ma anche per concedere una seconda possibilità a chi ha commesso un errore.

Pubblicato in Alcolismo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Un effetto sottovalutato del binge-drinking

    Tra gli adolescenti il binge-drinking sta avendo un impatto enorme in termini di obesità. Un team di ricercatori canadesi ha pubblicato una nuova relazione che suggerisce che il consumo di alcol ha un impatto molto maggiore sui tassi di sovrappeso giovanile di quanto si pensasse. Gli esperti hanno scoperto che Leggi tutto.

  • Almeno sul consumo di alcol buone notizie per l’Italia

    Con un consumo medio annuo inferiore a 8 litri di alcol puro per cittadino, l'Italia è il paese europeo che beve di meno. A pari merito Malta, mentre all'opposto della classifica si piazza la Lituania i cui abitanti consumano mediamente oltre 18 litri di alcol puro a testa. Secondo un Leggi tutto.

  • Non lo dicono ma forse bevono meno grazie alle canne

    Calo record del numero di teenager americani che consumano alcol. Nel 2015 il 38,2%, contro il 50% del 1991, ha dichiarato di avere l’abitudine di bere almeno un drink al mese. Ma le buone notizie, secondo l’ultimo report pubblicato dal Centre of Disease Control, non finiscono qua. Negli ultimi trent’anni è, infatti, sceso Leggi tutto.

  • Uno spot anti-alcol simile a quelli anti-tabacco

    È australiano lo spot di sensibilizzazione più efficace contro l’alcolismo. Capace di far redimere anche i più accaniti bevitori. Il video, intitolato Spread, mostra come vino, birra, distillati e liquori vengano assorbiti nel flusso sanguigno, diffondendo e causando mutazioni delle cellule cancerose nel fegato, nell’intestino e nella gola. A stilare la classifica Leggi tutto.

  • Binge drinking fenomeno in crescita anche in Italia

    In Italia, non si arresta l’aumento dei consumatori di alcolici a stomaco vuoto. La cui percentuale è cresciuta, passando dal 25,8% nel 2013 al 26,9% nel 2014, per poi toccare quota 27,9% nel 2015. Pari a circa 15 milioni di cittadini con più di 11 anni: il 38,9% degli uomini Leggi tutto.

  • Ecco perché da loro i giovani bevono sempre meno alcol

    Se la propensione a bere alcol dei giovani svedesi è sempre più bassa è anche merito dei social media e della passione per la forma fisica. Insieme alle campagne di prevenzione rivolte ai giovani, infatti, si è osservato come i ragazzi siano più consapevoli delle conseguenze del consumo di alcol Leggi tutto.