Trova lavoro con la “cravatta solidale”

di Paola Battista - 19.03.2014
Trova lavoro con la “cravatta solidale”
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Come garantire un vestito adeguato a chi va a un colloquio per un posto di lavoro? Con La cravate solidaire. L'associazione senza scopo di lucro che fornisce a titolo gratuito cravatte professionali a studenti e persone meno abbienti in fase di recruitment. Un'idea di tre giovanissimi francesi all'ultimo anno dell'école de commerce, basata su 3 semplicissimi step: raccoglieredistribuireaiutare. Con l’obiettivo di dare una chance in più a chi teme di sfigurare a priori davanti a un responsabile delle Risorse Umane, spiegano gli ideatori. Non una semplice raccolta di vestiario usato. L'iniziativa, infatti, ricorre sì al dono, ma raccogliendo abiti professionali, sia da uomo che da donna, direttamente in aziende. Giacche, cravatte, tailleurs, camicie. Ma anche scarpe, blazers, accessori e tutto il necessario per far bella figura davanti all'auspicato capo. Non bastasse, per un aiuto a tutto tondo che aumenti la fiducia in se stessi e le possibilità degli aspiranti candidati, l'associazione mette a disposizione altre due opportunità. Come la presenza di un'esperta in immagine, pronta a dispensare consigli per un look impeccabile. E dei reclutatori professionali, ingaggiati per sottoporre i cerca lavoro a interviste di prova, per migliorare la futura performance.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Finalmente qualcuno dà una mano anche a lui dopo il divorzio

    Sta per aprire i battenti a Ferrara una speciale casa di accoglienza per mariti divorziati in difficoltà economica. Si tratta di un appartamento di 120 metri quadrati composto di: cucina, sala da pranzo comune, due bagni e tre camere per una capienza di sette posti letto, oltre a un orto e Leggi tutto.

  • In Italia a esser poveri sono i separati

    In Italia, si può ormai parlare a pieno titolo di nuove povertà da separazione. Dopo la rottura dell’unione, tra le altre cose, i coniugi sono chiamati a ridefinire la propria sistemazione abitativa. A questo proposito la Caritas testimonia come sia in aumento il numero di chi è costretto a vivere Leggi tutto.

  • Anche il cane delle famiglie indigenti ha diritto al sussidio

    Il Comune di Trieste ha deciso di aiutare i cittadini in difficoltà economica a prendersi cura degli animali domestici. Esiste, infatti, un fondo municipale finalizzato alla concessione di buoni nominali di €30 da spendere per i propri amici a quattro zampe, in particolare per le prestazioni veterinarie. Gli aventi diritto sono Leggi tutto.

  • Motociclisti si traformano in muratori per una buona causa

    Più di 130 motociclisti rumeni hanno aiutato a costruire case per sedici famiglie povere a Cumpana, nella Romania sudorientale. L'evento, chiamato Bikers for Humanity, si è svolto tra il 2 e il 4 giugno coinvolgendo quattordici moto club romeni che hanno aderito all'iniziativa benefica promossa dell'organizzazione senza scopo di lucro Habitat Leggi tutto.

  • Verso la scomparsa della classe media italiana

    In Italia, ormai, si fa fatica a suddividere la popolazione nelle classi sociali così come le abbiamo sempre conosciute. Quella operaia, ad esempio, praticamente non esiste più e anche la borghesia ha al suo interno componenti di livello reddituale e occupazionale meno consolidate di quanto il nome stesso possa evocare. Leggi tutto.

  • Finalmente c’è qualcuno che evita ai bimbi il lunch shaming

    Il New Mexico è il primo stato americano a mettere al bando il lunch shaming. Pratica punitiva assai diffusa negli USA che umilia e scredita gli studenti che non possono permettersi di pagare regolarmente la mensa scolastica. La nuova legge, proposta da un gruppo di associazioni e politici democratici e definitivamente approvata la Leggi tutto.