Tre consigli per aiutare i dislessici a scegliere l’università giusta

di Annalisa Lista - 17.02.2016
Tre consigli per aiutare i dislessici a scegliere l’università giusta
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Per aiutare i ragazzi dislessici a scegliere l’università più adatta a loro, l’AID (Associazione Italiana Dislessia) ha pubblicato sulla sua pagina web tre preziosi consigli.

1) Al compimento del 18° anno di età, è bene seguire l'iter previsto per il rilascio della diagnosi. Che, secondo la legge italiana, se ottenuta dopo la maggiore età ha validità per tutta la vita. Può accadere, ad esempio, di iscriversi a un test d'ammissione con un certificato aggiornato ai tempi delle scuole medie. In tal caso, la commissione può ritenere la diagnosi non valida e obiettare sull'uso degli strumenti compensativi. Perché la dislessia è un disturbo evolutivo e i bisogni cambiano tra i 13 e i 19 anni.

2) Visitare con largo anticipo il sito web dell’Ateneo in cui si intende presentare domanda di immatricolazione per reperire alcune informazioni fondamentali. Tra cui, ad esempio:

- Qual è l’ufficio che si occupa degli studenti con DSA e disabilità?

- Quali sono le modalità con cui comunicare il proprio disturbo dell’apprendimento?

- Chi è il Delegato del Rettore alla disabilità e qual è la sua mail istituzionale?

3)  Chiedere un appuntamento con gli addetti al servizio Disabilità o DSA, se ne esiste uno dedicato. È meglio incontrare di persona, con il dovuto anticipo, gli amministrativi che si occupano del servizio.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Romania i disabili hanno una spiaggia solo per loro

    La città costiera di Constanza, in Romania, diventerà la prima in Europa a ospitare una spiaggia organizzata solo per disabili. Il parco terapeutico, costruito su una superficie di 22.000 mq, sarà dotato di rampe di accesso, aree attrezzate dove prendere il sole, un giardino sensoriale rilassante, un percorso di stimolazione visiva Leggi tutto.

  • Sono i disabili ma non la coca a fare notizia in Colombia

    Inaugurato a Bogotà il primo bar per sordi della Colombia. Si chiama Sin palabras Café sordo ed è stato fondato da tre amiche sensibili alle esigenze di chi, a differenza loro, non è udente. Gli impiegati sono esclusivamente ragazze e ragazzi con seri problemi di udito. Il menù è scritto adottando un alfabeto Leggi tutto.

  • Quanti non vedenti ci sono nel mondo

    36 milioni di persone con deficit visivi in tutto il mondo. Questa è la cifra aggiornata al 2015 secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista The Lancet. A livello mondiale i tassi di moderata e grave disabilità visiva si sono notevolmente ridotti, grazie al miglioramento delle condizioni di vita, a Leggi tutto.

  • Cresce il mercato mondiale del Braille

    Il mercato mondiale della stampa tattile è in continua espansione. Secondo un recente studio a cura di Credence Research, entro il 2025, potrebbe aumentare ancora del 4,5%. Si tratta di un settore il cui valore, nel 2016, è stato stimato pari a $1.250 milioni. A dominare è il Nord America, Leggi tutto.

  • Così funziona il bike sharing per disabili

    È Portland la prima città americana ad essersi dotata di un servizio di bike sharing per disabili. Si chiama “Adaptive Biketown”. Sponsorizzato da Nike è un programma che permette di affittare e utilizzare biciclette speciali a meno di $5 l'ora. Ogni mezzo è adattato alle necessità di questi abbonati speciali: Leggi tutto.

  • Lo sport rallenta la sclerosi multipla

    Gli esercizi che allenano la resistenza rallentano la progressione della sclerosi multipla e hanno persino dei benefici sul decadimento cerebrale. Uno studio pubblicato sul Journal of Multiple Sclerosis mostra, per la prima volta, che l'attività fisica può fermare la progressione della malattia neurologica. I pazienti affetti da sclerosi multipla vengono Leggi tutto.