The story of Luke, l’autismo come non l’avete mai visto

di Ivano Abbadessa - 08.04.2013
The story of Luke, l’autismo come non l’avete mai visto
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Sul mese di aprile, internazionalmente dedicato all'autismo, quest'anno pare esserci maggiore attenzione al punto che neanche Hollywood ha voluto mancare l'appuntamento. È di questi giorni, infatti, il debutto nelle sale americane di un film che tratta il desiderio d'indipendenza che hanno molti giovani autistici quando stanno per diventare adulti.

The Story of Luke, questo il nome del lungometraggio, è una commedia sulla vita di un giovane 25enne, Luca, affetto da autismo. Dopo la morte della nonna, che fino ad allora si era preso cura di lui, deve trovare un nuovo equilibrio nella sua vita. Deciderà di farlo da solo, senza l'aiuto degli altri parenti, impegnandosi in un'avventura per trovare un lavoro, una ragazza, per diventare uomo! La pellicola, presentata in anteprima al Festival di San Diego, ha raccolto numerosi riconoscimenti. La storia si rivolge a un pubblico generale, ma ha ottenuto feedback positivi in particolare da parte dei genitori di persone con autismo che hanno potuto vedere riprodotto sul grande schermo una realtà molto simile a quella che loro sperimentano nella vita reale. Anche se si tratta di una commedia, infatti, il pubblico ride con Luca, non su di lui.

Alonso Mayo, scrittore e regista del film, ha dichiarato di aver avuto molta cura nel garantire l'autenticità delle rappresentazioni del giovane protagonista. La trama, infatti, è radicata nelle esperienze di vita reale dello stesso Mayo, la cui madre gestisce una scuola per persone con disabilità dello sviluppo in Perù. Il regista ha detto di essere stato ispirato a scrivere la sceneggiatura osservando come molti dei bambini dalla scuola di sua madre, crescendo e diventando adulti, anelassero per le stesse opportunità dei loro coetanei non autistici: una relazione, un lavoro, una vita indipendente.

Con questo film il cinema d'Oltreoceano ci aiuta a guardare al mese della consapevolezza collettiva e personale sulla malattia, troppe volte ideato al solo fine di raccogliere donazioni e fare rappresentazioni negative della vita degli autistici, con una luce diversa. Una storia positiva e divertente che guarda al futuro con ottimismo. Come quella della giovane Alexis Wineman a cui l'autismo, diagnosticatole all'età di 11 anni, non ha impedito di diventare Miss Montana 2012 e di  correre in gennaio per la fascia di Miss America 2013. In un video di auto presentazione spiega che: “La normalità non è una condizione secca e univoca. Per me essere normale è convivere con l'autismo.” Non è la malattia a fare le persone, insomma.

Pubblicato in Autismo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Questo papà sfata i falsi miti sull’autismo

    Jason Love è un attivista di Los Angeles, teso a smontare gli stereotipi verso l’autismo, come quello che i bimbi affetti siano privi d’inventiva. L’uomo mostra, invece, come il figlio autistico crei scenari immaginari in cui sfogare le sue fantasie. Nel video - infatti - vediamo il bimbo “preparare dei Leggi tutto.

  • Anche se Down e autistica faccio di tutto per salvarla

    “Aiutatela a chiamarmi mamma”. Con queste parole la francese Justine Durmont inizia a raccontare la storia di Ava, la figlia di 4 anni che, caso rarissimo, ha sia la Sindrome di Down che l’autismo. A causa delle quali non ha alcuna autonomia nelle attività quotidiane, non parla e non comunica. Una doppia patologia Leggi tutto.

  • Per la Cassazione non c’è legame tra vaccino e autismo

    Dalla giurisprudenza italiana arriva un’altra decisione che nega il legame tra vaccino e autismo. Stavolta si tratta della Corte di Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso contro le sentenze di primo grado e d'appello, con le quali era stata rigettata la richiesta di indennizzo presentata dal tutore di un Leggi tutto.

  • Non sono gli antidepressivi in gravidanza a causare l’autismo

    I bambini esposti a antidepressivi durante le gravidanze delle loro madri sembrano avere un rischio leggermente più elevato di sviluppare l’autismo. Ma nel pubblicare le sue scoperte sul British Medical Journal, un team di ricercatori sostiene che questi risultati non dovrebbero causare allarme, poiché le probabilità assolute assolute rimangono molto Leggi tutto.

  • Per i ragazzi autistici americani ora è più divertente andare allo zoo

    Si trova ad Akron il primo zoo completamente autism-friendly dell’Ohio e il secondo in tutti gli Stati Uniti. Dopo la positiva esperienza del bioparco di Birmingham (Alabama), anche questo stato USA, infatti, ha voluto creare un luogo dove permettere ai ragazzi con bisogni speciali di ammirare gli animali di ogni specie. A usufruirne Leggi tutto.

  • Più difficoltà con la routine quotidiana per le bambine autistiche

    Le ragazze autistiche hanno, rispetto ai maschi, più difficoltà nello svolgere le comuni attività quotidiane. A sottolineare quest’aspetto, uno studio americano pubblicato nella rivista scientifica Autism Research. Dai dati raccolti su un campione di genitori cui è stato chiesto di valutare il grado di indipendenza dei loro con un disturbo Leggi tutto.