Sull’immigrazione Donald Trump rischia l’osso del collo

di Guido Bolaffi - 11.02.2016
Sull’immigrazione Donald Trump rischia l’osso del collo
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

E se per Donald Trump la lotta all'immigrazione anziché essere il pass per la Casa Bianca fosse una buccia di banana? Un quesito che agli occhi di molti può apparire oggi fuori luogo se non addirittura infondato. Visto il vento in poppa che sembra accompagnarlo sia nei sondaggi che nei duelli televisivi ed elettorali con i rivali-concorrenti del suo partito. Ma siccome non è tutt'oro quel che luce riteniamo il nostro dubbio non solo legittimo ma fondato. Per due ragioni.

La prima: la retorica anti immigrati può certo galvanizzare gli elettori bianchi, compresi molti di antica fede democratica. Ma non cambiare il piccolo dato di fatto che essi sono da tempo, e irreversibilmente, una minoranza rispetto alle “minoranze” così poco amate da Mr. Trump. Che, come già capitato alle ultime elezioni presidenziali al suo compagno di partito Romney, continuando ad inimicarsi latinos e musulmani rischia di finire in minoranza nella maggioranza degli stati del paese.

La seconda: è paradossale ma il big business yankee, asse portante del moderatismo repubblicano, non può né vuole fare a meno delle capaci e assai disponibili forze del lavoro immigrato. Al punto che, secondo un recente e ben informato articolo pubblicato dal Financial Times, l'86% di 1.358 grandi o grandissime imprese edilizie intervistate avrebbe denunciato una forte carenza di manodopera propria a causa del forte rallentamento degli ingressi alle frontiere. In particolare da quella messicana. “Il nostro problema”, questo il succo delle lamentele di molti imprenditori, quasi tutti di fede repubblicana, “non è che gli immigrati sono troppi, ma che sono troppo pochi”. Insomma per il mondo degli affari Trump è libero di fare tutte le sparate che vuole ma non di bloccare l'immigrazione, utile più del pane.

Tanto è vero che nei salotti buoni del Texas, tra un whisky e l'altro, gira da tempo questa battuta: “se Trump vuole chiudere la frontiera del Messico con un muro la tenga almeno aperta per fare entrare gli immigrati necessari a costruirlo”. Quello che non sappiamo è se a Donald siano o meno fischiate le orecchie.

Pubblicato in Immigrati clandestini.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Adesso è dalla Tunisia che arrivano i problemi dell’immigrazione

    La frontiera euro-mediterranea è un colabrodo. Mentre crollano gli arrivi di immigrati dalla Libia, aumentano quelli dall’Algeria e dalla Tunisia. Rispetto all’anno scorso i primi sono raddoppiati (706 contro 1.463), i secondi quintuplicati (574 contro i 2.700). E’ vero che a livello complessivo gli sbarchi nelle nostre coste sono in calo Leggi tutto.

  • Il sogno di molti immigrati in Libia non è l’Europa

    Nell’esercito degli immigrati bloccati dai libici, c’è una componente che pochi conoscono e di cui nessuno parla. Fatta da quelli che non sognano l’Europa e vogliono solo tornare a casa ma non hanno i mezzi per farlo. Sono migliaia, per lo più provenienti dell’Africa sub-sahariana, che per anni hanno lavorato Leggi tutto.

  • I trafficanti di clandestini adesso puntano sul Mar Nero

    Dopo le rotte balcanica e libica, ormai chiuse, adesso si apre quella del Mar Nero. Aumentano, infatti, gli stranieri che per raggiungere l’Europa, si imbarcano dalla Turchia via mare verso la Romania: 3.000 dall’inizio del 2017 contro i 1.624 del 2016. In maggioranza iracheni, siriani e pachistani. Al borsino dei Leggi tutto.

  • Induriscono Schengen ma aprono all’immigrazione economica

    In Europa sull’immigrazione si respira un’aria nuova. Leggendo il documento varato ieri dalla Commissione Europea scopriamo che, per la prima volta dopo molti anni, non si limita a mettere una pezza, spesso in ritardo, sull’emergenza del momento. Ma guarda avanti con un programma di ampie vedute, riassumibile in cinque punti. 1) Leggi tutto.

  • Dopo Brexit e Trump i left behind scuotono la Germania

    Dopo la vittoria in Inghilterra della Brexit e lo sfondamento di Trump negli USA il mezzo terremoto delle recenti elezioni in Germania conferma che nelle società di punta dell’Occidente industrializzato è in atto quella che Ronald Inghelart e Pippa Norris hanno genialmente definito come una silent revolution on the contrary. Leggi tutto.

  • Papa Francesco: governare l’immigrazione per dare integrazione

    Chissà se chi pochi giorni fa si è spinto a dare dello “sbirro” a Minniti per aver bloccato il fiume di arrivi incontrollato di immigrati dalla Libia si spingerà oggi a dirlo del Papa. Che di ritorno dalla Colombia ha affermato a chiare lettere che la politica dell’immigrazione per essere Leggi tutto.