Si sentono francesi ma li trattano come stranieri

di Annalisa Lista - 28.01.2016

Ci sentiamo francesi, ma non ci riconoscono come tali. Questa è la sorprendente verità che conferma quanto già si era intravisto quando nel 2005 scoppiò la rivolta nelle banlieue parigine. All'opposto di quanto molti credono e spesso si ripete i figli degli immigrati in Francia pur identificandosi come francesi non vengono percepiti nè accolti come tali nella società. Almeno secondo il più corposo studio (652 pagine) mai realizzato sul livello di integrazione della popolazione straniera e sulle seconde generazioni d’Oltralpe. I ricercatori dell’INED, che hanno curato il rapporto, sono giunti a questa conclusione dopo aver intervistato, tra il 2008 e il 2009, oltre 22 mila persone tra i 18 e i 60 anni. Tra le altre sorprese colpisce anche il tasso di disoccupazione e di discriminazione dei figli degli immigrati decisamente più alto di quello che si registra tra i loro genitori. Sono solo alcuni dei più eclatanti risultati emersi da questa indagine senza precedenti in un paese che ha sempre vietato analisi e statistiche basate sulla razza, l’etnia e la religione dei suoi cittadini.

 

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Italia per l’immigrazione ci vuole il modulo 2-3-4

    Visto quello che succede in giro nel mondo non bisogna essere dei grandi profeti per immaginare che anche da noi l’immigrazione sarà centrale nell’ormai prossima competizione elettorale. Ed un banco di prova, difficile ma non impossibile, per un programma elettorale riformista al passo con l’Europa e, soprattutto, con i tempi. Leggi tutto.

  • L’Italia dell’immigrazione ha bisogno di una nuova leva militare

    Il servizio militare obbligatorio può essere un formidabile strumento di integrazione degli immigrati. A sostenerlo è Ori Swed, sociologo dell’università del Texas, autore, con il collega John Sibley Butler, di uno dei più importanti studi internazionali sulle conseguenze sociali della vecchia, e da molti odiata, leva. Lo abbiamo intervistato. In Europa Leggi tutto.

  • C’è un’altra via per giungere allo ius soli

    In politica come nella vita può accadere, talvolta, che non tutti i mali vengano per nuocere. A patto, però, di avere la volontà e l’intelligenza per ribaltare la necessità in virtù. Come nel caso del tristissimo rinvio alle calende greche deciso ieri dal Senato del provvedimento (già votato dalla Camera) Leggi tutto.

  • Zuckerberg spaventa Trump e i falchi anti-immigrati

    A complicare la vita di Trump, come se non bastassero i tanti guai che ha, torna, e non è la prima volta, quello dell’immigrazione. Scade oggi infatti l’ultimatum lanciato dai governatori conservatori di molti stati per la cancellazione, promessa e ripromessa in campagna elettorale dall’inquilino della Casa Bianca prima di Leggi tutto.

  • Non c’è un’unica integrazione per tutti gli immigrati

    Adriano Cancellieri è sociologo all’università Iuav di Venezia. Ha appena pubblicato Migranti e Spazio urbano nell’ultimo numero della rivista Il Mulino. D: In un suo ultimo articolo lei sostiene, in estrema sintesi, che parlare di integrazione degli immigrati significa tutto e niente. Ci può spiegare che cosa intende? R: Tutti parlano di Leggi tutto.

  • La seconda generazione è una piaga dell’immigrazione

    Boom di disoccupati tra i figli degli immigrati magrebini in Francia. Rispetto agli autoctoni, le seconde generazioni di nordafricani, a dieci anni dalla Maturità, fanno registrare un tasso di disoccupazione pari al doppio. Una disparità tra i giovani francesi doc e quelli di origine straniera che si rileva anche fra Leggi tutto.