Sei consigli per invogliare i bambini a mangiare frutta e verdura

di Annalisa Lista - 24.01.2017
Sei consigli per invogliare i bambini a mangiare frutta e verdura
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Frutta e verdura non sono proprio il cibo preferito dei bambini. Per invogliarli e abituarli a mangiarne, specialmente quando in casa si segue un'alimentazione vegetariana o vegana, la nutrizionista australiana Roslyn Giglia del Telethon Kids Institute ha fornito sei preziosi consigli alle famiglie.

1) Sperimentare tutte le ricette possibili per abituare i piccoli al gusto. Magari tagliando il cibo in formati più appetibili alla vista e insaporendolo con altri ingredienti.
2) Fatevi aiutare a cucinare, così toccando e osservando il cibo da sé si abituano a colori, sapori e odori.
3) Se avete un orticello, insegnate ai piccoli a piantare ortaggi e frutta, a prendersene cura, a raccoglierli, in modo da far capire loro l’importanza di nutrirsi con i prodotti della terra.
4) Coinvolgere i bambini nella scelta di frutta e verdura quando si va a fare la spesa.
5) Dare il buon esempio a tavola perché i bambini tendono a imitare molto il modo di mangiare dei genitori.
6) Non cadere nell’errore di corromperli, dicendo loro, ad esempio, che otterranno una ricompensa se assaggeranno, ad esempio, broccoli e cavolfiori. Devono imparare la necessità di mangiarne a prescindere da tutto, perché lo vogliono e non perché devono.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’OMS preoccupata per le poche donne che allattano

    A livello mondiale, solo il 40% dei neonati viene allattato esclusivamente al seno. A lanciare l’allarme, l’OMS nel suo ultimo rapporto pubblicato in occasione della settimana mondiale dedicata all’allattamento al seno. Dai dati raccolti, emerge anche che solo in 23 nazioni delle 194 monitorate si osserva un tasso di allattamento Leggi tutto.

  • Sfatato il mito dello zucchero che rende felici

    Gli uomini che consumano un'eccessiva quantità di zucchero aumentano il rischio di depressione. Lo rivela uno studio condotto dalla University College London che ha utilizzato i dati di oltre 5mila uomini e 2mila donne tra il 1983 e il 2013. Scoprendo che i maschi che assumevano più di 67g di Leggi tutto.

  • Da grassa era più dolce e affettuosa

    Dimagriscono fino a essere irriconoscibili. Non nel corpo, ma nella personalità. Dopo aver perso decine di chili, infatti, gli ex obesi possono diventare semplicemente insopportabili. Concentrati solo su se stessi, su quanto sono magri, in forma, più belli che mai. In altre parole, la ricetta migliore per perdere gli amici Leggi tutto.

  • La classifica dei Paesi col più alto tasso di obesità

    La mappa mondiale dell’obesità non lascia dubbi: sono gli Stati Uniti a guidare la classifica dei Paesi con il tasso più alto fra gli adulti. Seguono Messico, Nuova Zelanda e Ungheria. Mentre sono più bassi in Giappone, Corea e Italia. A stilare la classifica è l’Ocse in un nuovo aggiornamento Leggi tutto.

  • Il profumo scatena l’acquolina e fa ingrassare

    Il profumo dei cibi non inibisce, ma alimenta il senso di fame. A sostenerlo, un vasto studio appena pubblicato sul giornale Cell Metabolism effettuato sui topi. I quali, a seconda se avessero o meno il senso dell’olfatto temporaneamente disabilitato, hanno avuto reazioni diverse di fronte allo stesso tipo di dieta ad alto Leggi tutto.

  • Il Papa dice “no” alle ostie prive di glutine

    “Le ostie completamente prive di glutine sono materia invalida per l'Eucaristia”. È quanto si legge in una lettera circolare recentemente inviata ai vescovi dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, per incarico di Papa Francesco. Nella missiva, contenente tutte le precisazioni sul pane e sul vino Leggi tutto.