Risultati degli Esami di Maturità 2017

di Roberta Lunghini - 03.08.2017

In Italia, anche quest’anno, sono stati pochissimi i bocciati alla Maturità: solo lo 0,5% di tutti gli ammessi. Una percentuale che tra gli studenti che hanno sostenuto gli Esami di Stato delle scuole medie scende allo 0,2%. In base ai primi dati che emergono dalle rilevazioni condotte dal MIUR, il 62,5% dei candidati delle superiori ha ottenuto un voto più alto di 70/100 e sono in aumento sia i 100 (dal 5,1% dello scorso anno al 5,3%) che le lodi (sono l’1,2% rispetto all’1,1% del 2016). In termini assoluti, le Regioni del Mezzogiorno si confermano quelle con il maggior numero di “super brave” e “super bravi”. In testa la Puglia (944 diplomati con lode), seguita dalla Campania (802) e dalla Sicilia (516). Ma anche guardando al rapporto percentuale fra i diplomati con lode e la popolazione scolastica territoriale, il primo posto non cambia: la Puglia conferma il suo primato con il 2,6%. Medaglia d’argento all’Umbria (il 2,4%) e terza posizione per le Marche (il 2,3%). Da notare che, mediamente, sono i liceali ad ottenere le votazioni più alte in tutta la Penisola.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Quest’anno boom di matricole nelle università italiane

    Aumentano sensibilmente gli iscritti alle università italiane: quasi 12 mila matricole in più rispetto allo scorso anno. Secondo i dati diffusi da Skuola.net, l’Ateneo che ha registrato l’incremento maggiore è quello di Perugia (+42%). Seguito da quello di Foggia (41,7%). In crescita anche Messina (+12,7), Catanzaro (+9,7%), Politecnico di Bari Leggi tutto.

  • In alcune scuole d’Italia ci si diplomerà in 4 anni

    Al via, in Italia, il diploma in 4 anni. Una sperimentazione che, a seguito della firma della Ministra dell’istruzione del relativo decreto, coinvolgerà 100 classi di licei e istituti tecnici in tutto il Paese. L’avviso sarà pubblicato a fine mese sul sito del MIUR e le scuole, sia statali che paritarie, Leggi tutto.

  • I giovani italiani preferiscono lavorare in proprio

    In Italia, nei primi sei mesi di quest’anno, quasi 1/3 delle nuove imprese è guidato da un under 35. Rispetto alla fine del 2016, il loro numero è aumentato del 6,1%, contro lo 0,3% del totale delle aziende del Bel Paese, mettendo a segno tra gennaio e giugno un saldo Leggi tutto.

  • Anche l’interprete tra le professioni introvabili in Italia

    In Italia, gli interpreti e i traduttori sono i laureati più “rari” da procurarsi sul mercato del lavoro. Almeno questo è quello che sostengono le aziende del Bel Paese, che segnalano come queste figure siano introvabili in 7 casi su 10. Meno difficile, ma altrettanto complicato, è reperire ingegneri elettronici Leggi tutto.

  • Clamoroso dietro front sugli smartphone in classe

    Presto i cellulari potrebbero essere di nuovo ammessi tra i banchi di scuola italiani. Forse non tutti sanno che, al momento nella nostra Penisola, vige il divieto di utilizzo di tutti i dispositivi elettronici durante le lezioni. Una normativa, introdotta nel 2007, che la Ministra dell’istruzione ha giudicato risalente "a Leggi tutto.

  • Da quelle parti i figli ci sono ma mancano i ginecologi

    AAA cercasi ginecologi e ostetriche negli USA. L’appello arriva dal maxi report di Doximity, una delle più grandi community che riunisce online migliaia di medici yankee. La principale causa di questa penuria di specializzati nella cura salute femminile è di natura demografica. La stragrande maggioranza dei camici bianchi oggi in corsia è prossima Leggi tutto.