Chi ha diritto al Reddito di inclusione in Italia

di Roberta Lunghini - 13.06.2017

Cosa prevede il nuovo decreto che introduce, in Italia, il Reddito di inclusione (ReI)? Il documento, approvato in via preliminare da Palazzo Chigi su proposta del Ministro del welfare e in attesa di acquisire i pareri delle commissioni parlamentari competenti, dà attuazione alla legge dello scorso marzo sul contrasto della povertà, il riordino delle prestazioni di natura assistenziale e il rafforzamento del sistema degli interventi e dei servizi sociali. In particolare si tratta di un beneficio economico erogato su dodici mensilità, con un importo che va da circa €190 al mese per una persona sola, fino a quasi €490 per una famiglia con 5 o più componenti. Viene riconosciuto ai nuclei familiari con un ISEE non superiore a €6.000 e un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, sotto €20.000. Da notare che, in prima applicazione, è stato deciso di dare la precedenza ai genitori con minori o figli disabili, donne in stato di gravidanza e disoccupati over 55.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Come funzionano i nuovi voucher lavoro

    Cambia il lavoro occasionale in Italia. I vecchi voucher, infatti, sono stati sostituiti da altri due tipi di prestazioni. La prima è il libretto famiglia per le persone fisiche non nell’esercizio di attività imprenditoriale o professionale, da utilizzare esclusivamente per le seguenti attività riconducibili ad uso familiare: • piccoli lavori domestici, Leggi tutto.

  • L’asilo nido ti aiuta a non dimenticare tuo figlio in auto

    Si chiama “Scusa se insisto” ed è un nuovo progetto nato per aiutare i genitori a non dimenticare i propri figli in auto. Un’idea che l’Associazione Assonidi Milano ha avuto alla luce del preoccupante aumento, in Italia, degli episodi di Amnesia Dissociativa. Un disturbo che può colpire la mamma o Leggi tutto.

  • Anche il cane delle famiglie indigenti ha diritto al sussidio

    Il Comune di Trieste ha deciso di aiutare i cittadini in difficoltà economica a prendersi cura degli animali domestici. Esiste, infatti, un fondo municipale finalizzato alla concessione di buoni nominali di €30 da spendere per i propri amici a quattro zampe, in particolare per le prestazioni veterinarie. Gli aventi diritto sono Leggi tutto.

  • Chi sono e quanti sono i care leavers in Italia

    In Italia, sono circa 3 mila ogni anno i neomaggiorenni obbligati a lasciare le case famiglia dove erano stati accolti. Questi cosiddetti “care leavers”, sono giovani cresciuti senza genitori che, una volta compiuti i 18 anni, non hanno più diritto alla tutela legata allo status di minorenni. Vengono, in questo Leggi tutto.

  • Per i genitori italiani arriva il bonus asilo nido

    In Italia, dal prossimo 17 luglio, il contributo asilo nido diventerà pienamente operativo. A partire da questa data e fino al 31 dicembre di 2017, infatti, i genitori potranno inoltrare la relativa domanda. Il beneficio consiste in un buono annuo di €1.000, erogato con cadenza mensile, il cui scopo è quello Leggi tutto.

  • Quanto spendono gli Stati UE a sostegno della famiglia

    Nel 2014, più di 330 miliardi di euro sono stati spesi nell'Unione europea per il sostegno a famiglie e natalità. Questo rappresenta l'8,6% della spesa pubblica complessiva destinata al sociale, in terza posizione dietro le pensioni (45,9% sul totale della spesa sociale) e sussidi di malattia, assistenza sanitaria e disabilità Leggi tutto.