Qui pizze gratis per anziani soli

di Raffaele Nappi - 28.07.2017
Qui pizze gratis per anziani soli
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Margherite e Napoletane per tutti. A Bagno a Ripoli, provincia di Firenze, l’amministrazione comunale e la Croce Rossa hanno pensato di mettere su un progetto per consegnare pizze (gratuitamente) agli anziani seguiti dai servizi sociali. Tutto è nato a inizio luglio, con l’obiettivo di assistere le persone più avanti con l'età che, specie d’estate, vivono da sole. Ogni venerdì sera, così, una decina di volontari si recano direttamente a casa dei protagonisti, in diversi comuni del territorio vicino, per recapitare le pizze impastate e cucinate direttamente dai membri del circolo ARCI di Candeli, che ha offerto la propria disponibilità. Il servizio sta contando sempre più adesioni e da settembre entrerà a pieno regime fino ad essere esteso alla consegna quotidiana della cena (lunedì – venerdì) agli anziani in carico all'ufficio sociale del Comune che ne faranno richiesta. "Il riscontro per il momento è ottimo - racconta Leonardo Pasquinelli, consigliere della Croce Rossa Italiana del Comitato di Bagno a Ripoli - I beneficiari apprezzano molto l'attenzione ricevuta, e hanno instaurato fin da subito un rapporto gradevole con i nostri volontari, che mi hanno riferito lunghe e piacevoli chiacchierate in occasione di ogni consegna". L'obiettivo è quello di recapitare la cena a domicilio tutti i giorni della settimana, oltre ad un nuovo servizio di 'Compagnia Telefonica'. "Stiamo lavorando con i servizi sociali per attivare tale servizio subito dopo l'estate - conclude Pasquinelli - Per le pizze, l'impegno si manterrà limitato al venerdì, proprio per mantenere un simpatico appuntamento a cui gli anziani sono già molto affezionati".

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Cosa spinge al suicidio gli anziani in ospizio

    Venire ricoverati in una casa protetta può spingere gli anziani al suicidio. Una mancanza di stimolazione mentale spesso provoca, infatti, apatia che può portare a togliersi la vita. L'associazione inglese Age UK, a questo proposito, sostiene che alcune residenze per anziani non forniscono attività coinvolgenti, lasciando i pensionati fragili "isolati Leggi tutto.

  • Ora con i videogiochi rischi anche l’Alzheimer

    I videogiochi d’azione possono, alla lunga danneggiare il cervello. E anche aumentare il rischio Alzheimer. A dirlo, uno studio dell’Università di Montréal, per realizzare il quale è stato chiesto a un vasto campione di volontari di giocare per circa 90 ore, suddivise in diverse sedute, con game più o meno Leggi tutto.

  • Una cintura che migliora la vita ai malati di Parkinson

    Una cintura che aiuta i malati di Parkinson a migliorare l’equilibrio. Si tratta dell’ultima invenzione dell’Università di Houston. I cui ricercatori hanno messo a punto una fascia dotata di sensori collegati via bluetooth a uno smartphone, dal quale l’utente riceve i comandi per svolgere esercizi appositi per il suo caso Leggi tutto.

  • Dopo l’anestesia gli over65 rischiano l’Alzheimer

    Gli anziani colpiti da delirium post-operatorio rischiano l'Alzheimer tre volte in più rispetto agli altri degenti. A sostenerlo, uno studio americano pubblicato sul British Journal of Anaesthesia. Gli autori hanno coinvolto nella loro ricerca un campione di over65 senza problemi cognitivi prima di interventi chirurgici. E hanno constatato che coloro che sono andati in stato Leggi tutto.

  • Arriva il rivoluzionario orologio anti-Parkinson

    Emma Watch è un progetto Microsoft all’avanguardia, presentato alla Build Conference 2017 di Seattle (Stato di Washington – USA). Parliamo di uno smartwatch creato dalla ricercatrice Haiyan Zhang e ottimizzato dal centro studi Microsoft di stanza a Cambridge (UK). Il dispositivo è capace di ridimensionare i tremori alle mani dei Leggi tutto.

  • Se il cliente ha l’Alzheimer sono grattacapi per il notaio

    Cresce la preoccupazione dei notai francesi di avere a che fare con clienti colpiti da demenza e Alzheimer. Perché non sempre sono in grado di capire se la patologia compromette le loro capacità decisionali. A dirlo, un rapporto congiunto della Fondation Médéric Alzheimer e del Consiglio Nazionale del Notariato d'Oltralpe. Dal Leggi tutto.