Qui per i malati terminali la cura è la morte

di Nicola Dotto - 20.01.2015
Qui per i malati terminali la cura è la morte
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

In Croazia ai malati terminali non spetta nessuna assistenza sanitaria pubblica. Al punto da essere lasciati morire di fame e sete nelle proprie case vittime di dolori lancinanti. È la drammatica realtà denunciata dall’Associazione croata per la Medicina Palliativa, che chiede un drastico cambiamento di rotta. Il Paese balcanico rimane infatti l’unico in tutta l’Unione Europea a non fornire cure palliative e farmaci specifici per i pazienti colpiti da rare e terribili malattie. Cronica risulta l’assenza di équipe mediche multi-disciplinari che assicurino un supporto oltreché medico anche psicologico, cambiando dalle fondamenta il sistema sanitario nazionale. Un allarme da cogliere visto il progressivo invecchiamento della nazione (più del 20% sopra i 65 anni) e l’aumento di patologie incurabili, prima fra tutte la demenza.

Pubblicato in Abusi sugli anziani.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Aumentano gli anziani che subiscono abusi

    Nel mondo, 1 anziano su 6 subisce abusi. Secondo uno studio dell’OMS, pubblicato sulla rivista Lancet Global Health, quasi il 16% della popolazione over 60 è stato oggetto di violenza psicologica (11,6%), finanziaria (6,8%), fisica (2,6%), sessuale (0,9%) o di abbandono (4,2%). Dati, diffusi in vista della Giornata mondiale contro Leggi tutto.

  • Nelle case di riposo lombarde arrivano le telecamere

    Le telecamere di videosorveglianza entrano nelle strutture per disabili e anziani della Lombardia. Lo prevede la legge recentemente approvata dal Consiglio regionale , con 39 sì, 24 astenuti e 1 solo voto contrario. Si tratta del primo caso in Italia in cui tale iniziativa viene presa con il chiaro intento Leggi tutto.

  • La segregazione è di casa negli ospizi inglesi

    Preoccupazione in Inghilterra per il numero elevato di anziani residenti nelle case di riposo privati della libertà di movimento. Legati ai letti con cinghie, chiusi a chiave nelle loro stanze o forzati a prendere farmaci tranquillanti sono alcune delle pratiche più comuni che alimentando i timori che alcuni possano essere Leggi tutto.

  • Grazie ai Carabinieri gli ospizi filano dritti

    Importanti i risultati ottenuti in Italia dall’Arma dei Carabinieri nella protezione degli anziani. Tra il 2014 e il 2016, sono stati effettuati 6.187 controlli presso strutture socio-sanitarie, socio-assistenziali e centri di riabilitazione neuro psicomotoria destinate alla terza età. Di questi, il 29% circa (1.877) ha rilevato delle non conformità, portando Leggi tutto.

  • Arriva l’app per chiedere aiuto in silenzio

    Chiedere aiuto in modo silenzioso. Perché non si ha la forza di reagire, o perché cause di forza maggiore impediscono di parlare. Da oggi è possibile, grazie all’app Where are U, sviluppata dall’azienda lombarda AREU. L’applicazione permette di effettuare chiamate di emergenza semplicemente premendo il tasto relativo all’urgenza (medica, tecnica Leggi tutto.

  • Anziani abusati e poi assassinati

    Ogni anno, in Europa, gli abusi sugli anziani portano a circa 2.500 omicidi. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riferisce, inoltre, che, tra chi necessita di elevati livelli di assitenza, una persona su quattro è vittima di maltrattamenti. Negli ultimi anni, il tema tabù degli abusi sugli anziani ha iniziato a Leggi tutto.