Quanti sono i malati di SLA nel mondo

di Roberta Lunghini - 21.06.2016
Quanti sono i malati di SLA nel mondo
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Nel mondo, le persone affette da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) sono oltre 400 mila. Di cui circa 6 mila in Italia. A loro è dedicato il Global Day, ovvero la Giornata Mondiale indetta dall’International Alliance of ALS/MND Associations e celebrata il 21 giugno di ogni anno. Proprio per quest’occasione, e anche grazie alla collaborazione della AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), è stato preparato un manifesto in cui si ricordano i sette diritti fondamentali delle persone con SLA:
1. Le persone affette da SLA hanno il diritto di ricevere cure e trattamenti di alta qualità, messi a disposizione dai Servizi Sanitari di appartenenza.
2. Le persone affette da SLA hanno diritto a una corretta informazione e training sulla malattia che permette sia a loro stessi sia a chi si occupa di loro di giocare un ruolo attivo nell’aspetto decisionale su cura e assistenza.
3. Le persone affette da SLA hanno diritto di scelta in merito a:
operatori sanitari e assistenziali che forniscono cure e consulenze sanitarie;
il luogo dove essere assistiti;
il tipo di cura o assistenza forniti, incluso il diritto di accettare, rifiutare o interrompere la cura nel rispetto delle leggi vigenti in ogni singolo Paese.
4. Le persone affette da SLA hanno la possibilità di fornire input al sistema sanitario e assistenziale, partecipando alle politiche decisionali, alle prestazioni sanitarie e all’attuazione di procedure e protocolli di ricerca medica.
5. Le persone affette da SLA hanno il diritto alla miglior qualità di vita, che comprende la tutela della propria dignità e la cura della persona, senza alcuna discriminazione.
6. Le persone affette da SLA hanno il diritto alla garanzia di riservatezza e di privacy in merito a referti e informazioni mediche.
7. Chi si prende cura di persone affette da SLA ha diritto al miglior supporto possibile, inclusi servizi di assistenza psicologica, anche in caso di lutto, servizi di sollievo e qualsivoglia benefit e diritto offerto dallo Stato.

Pubblicato in SLA.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Si chiama My Voice l’app che ridà voce ai malati di Sla

    “Perdere la propria voce è un trauma. L’altro giorno mia figlia di 11 anni mi ha chiesto se la voce metallica del pc era la mia. Mi ha investito un’onda di tristezza”. Parola di Julius, malato di Sla dal 2007 che, proprio a causa della malattia non è più in Leggi tutto.

  • Con 150mila battiti di ciglia scrive un libro sulla SLA

    ‘Abécédaire d'un Charcot’ (l’alfabeto di un Charcot) è lo straordinario libro di Damien Perrier. Fisico 42enne francese, l’uomo è malato di SLA, detta anche malattia di Charcot, dal 2009. "Ricevo ogni settimana messaggi da parte di persone nella mia situazione. Mi chiedono di tutto, dalle cure alle cose più personali. Leggi tutto.

  • Il Festival dei cantanti con SLA che fa concorrenza a Sanremo

    A San Foca - località balneare di Melendugno (LE) - si è svolta una simpatica parodia del Festival di Sanremo, ribattezzata Festival di San Foca. Protagonisti novelli cantori affetti da SLA e altre patologie, inseriti all’interno del più ampio programma Tutti al mare! e del progetto pilota IO POSSO. L’iniziativa Leggi tutto.

  • Sulla vita del malato di Sla decide il giudice

    In Italia, il giudice può imporre ai sanitari di interrompere i trattamenti di sostegno vitale al malato di Sla che lo chiede. E, in caso il paziente non dovesse più essere in grado di comunicare o intendere e volere, il suo amministratore di sostegno ha facoltà di esigerlo al posto Leggi tutto.

  • Una domenica speciale dedicata ai malati di SLA

    Si stima che, in Italia, i malati di SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) siano 5/6mila. Una cifra che a livello mondiale raggiunge quota 420mila e che è destinata a crescere di circa il 32% entro il 2040, soprattutto tra le donne. A questa malattia neurodegenerativa associata ad una progressiva compromissione della Leggi tutto.

  • Paralizzati controllano un computer con il pensiero

    Due persone paralizzate, con sclerosi laterale amiotrofica (SLA), sono riuscite a spostare un cursore sullo schermo di un computer con la sola forza del pensiero. Lo straordinario risultato è stato possibile grazie a elettrodi impiantati nella loro corteccia motoria, la parte del cervello che controlla il movimento e che sono Leggi tutto.

Editoriale