Viaggio alla scoperta dei consumatori di viagra

di Roberta Lunghini - 18.10.2016

Nei suoi 18 anni di vita, il viagra è stato usato almeno uno volta da 40 milioni di uomini nel mondo. Per un totale di oltre 1 miliardo di compresse vendute. L’Italia è al secondo posto in Europa con circa 86 milioni di pillole blu acquistate nell’intero periodo e più di 6 milioni nel solo 2013 (12 al minuto): ovvero una media di quasi una ogni due maschi over 40 (437 compresse ogni 1.000 uomini), con età un'media di 50-55 anni. In testa la Lombardia (oltre un milione di compresse acquistate nel 2013), seguita da Emilia-Romagna, Toscana e Liguria. La Regione dove si consuma meno è la Basilicata (solamente 230 pillole blu ogni 1.000 over 40). Sono alcuni dei dati diffusi all’evento di Pianeta Uomo che si svolge nell’ambito del congresso nazionale della SIU (Società Italiana di Urologia), in corso a Venezia fino al 18 ottobre. Durante il quale, nel festeggiare la “maggiore età” di questo farmaco contro la disfunzione erettile, è stato messo in luce il doppio volto di questo successo: da un lato lo "smascheramento" di una vera e propria patologia prima nascosta, con un conseguente cambiamento radicale nelle abitudini della nostra popolazione maschile; dall’altro la nascita di un "fenomeno" sociale con tutti gli eccessi che questo comporta (dall’abuso, alla vendita illegale anche tra i giovani, alla perdita della percezione che non si è di fronte ad un afrodisiaco, ma ad un medicinale vero che deve essere prescritto dal medico ed è un indicatore – nella maggior parte dei casi - di altre malattie).

Pubblicato in Salute in cifre.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • I nemici degli amici a quattro zampe escono allo scoperto

    Crolla il mito degli animali domestici toccasana per la salute dei più piccoli. A sostenerlo, con dispiacere dei tanti genitori amanti degli amici a quattro zampe, è un recente studio dell’istituto di ricerca Rand Corporation. Che, dopo aver monitorato a lungo le condizioni fisiche di migliaia di bambini americani cresciuti Leggi tutto.

  • Nati prematuri a rischio diabete e obesità

    I bambini nati prematuri rischiano più degli altri obesità e diabete. A dirlo, uno studio dell’Università di Ben Gurion, in Israele. Che ha monitorato un gruppo di bambini fino all’età di 18 anni, per esaminare l’impatto della nascita pretermine. I risultati hanno confermato che quelli venuti alla luce tra la Leggi tutto.

  • Tutto quello che c’è da sapere sui vaccini

    Che cosa si intende per evento avverso a un vaccino? E come fare per segnalarlo? A queste e tante altre domande risponde un video divulgativo realizzato, in Italia, dalla redazione di EpiCentro, sito dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità). La clip, pensata per gli operatori sanitari e i cittadini che vogliono Leggi tutto.

  • L’UE boccia le baby box finlandesi

    Chi lo dice che le famose cullette in cartone finlandesi sono sicure? A lanciare l’allarme, un’associazione inglese, Lullaby Trust, che ha fatto il punto sull’effettiva efficacia delle baby box che dovrebbero, in teoria, prevenire le morti in culla. Due gli avvertimenti ai genitori. Il primo. Gli standard di sicurezza UE per Leggi tutto.

  • L’OMS preoccupata per le poche donne che allattano

    A livello mondiale, solo il 40% dei neonati viene allattato esclusivamente al seno. A lanciare l’allarme, l’OMS nel suo ultimo rapporto pubblicato in occasione della settimana mondiale dedicata all’allattamento al seno. Dai dati raccolti, emerge anche che solo in 23 nazioni delle 194 monitorate si osserva un tasso di allattamento Leggi tutto.

  • Scagionati dalla scienza cuffie e auricolari

    Calano i deficit uditivi tra i giovani americani. A dirlo, uno studio pubblicato nella rivista Jama Otolaryngology – Head & Neck Surgery. Dal quale, è emerso che tra i ragazzi di età compresa tra i 12 e i 19 anni, i disturbi legati all’udito sono diminuiti del 7,3% tra il Leggi tutto.