Per i trans c’è un’isola da sogno a un passo da noi

di Beatrice Credi - 19.06.2015
Per i trans c’è un’isola da sogno a un passo da noi
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Malta si conferma terra di elezione per gli LGBT. Dopo avere guadagnato il 3° posto nella Rainbow Map, il governo della piccola isola è il primo in Europa a lanciare nelle scuole un piano di educazione e formazione per la conoscenza e il rispetto dei transessuali e bambini intersex. Individuando le loro esigenze e facendo in modo che vengano rispettate. Ispirate alla libera espressione della propria identità sessuale, le azioni si sviluppano su 4 pilastri principali. 1) riservatezza, 2) strutture adeguate, 3) inclusione, 4) possibilità di modificare i documenti nelle parti relative al genere. A questo testo se ne aggiunge un altro in cui si descrive come quanto previsto debba essere attuato in modo uniforme in tutte le scuole del Paese.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Sui NEET l’Italia non cambia

    In Italia, quasi un giovane su cinque tra i 15 e i 24 anni, non ha un lavoro, non lo cerca, né è impegnato in un percorso di studi o di formazione. Si tratta dei cosiddetti Neet e il nostro Paese si riconferma avere uno dei tassi più alti dell’Unione Leggi tutto.

  • L’ANFFAS mette le scuole sotto osservazione

    Una campagna di monitoraggio su tutto il territorio italiano per sorvegliare la reale inclusione dei disabili a scuola. Avviata dall’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), si pone l’obiettivo di far venire alla luce tutte le eventuali disfunzioni che verranno riscontrate a partire dal prossimo anno Leggi tutto.

  • Qui le scuole elementari cambiano per i bambini trans

    Aumentano le scuole spagnole che promuovono programmi ad hoc per l’inclusione degli studenti transgender. Tanto che è stato addirittura creato un “certificato di riconoscimento” per quegli istituti che impartiscono corsi di formazione a docenti, studenti e famiglie volti a superare discriminazioni e pregiudizi nei confronti di chi non si identifica Leggi tutto.

  • Se non sono i genitori è la legge a vietare loro la chirurgia estetica

    Vietare agli under-18 gli interventi di chirurgia estetica. Il severo monito arriva dal Consiglio di bioetica inglese allarmato dal boom di operazioni, per futili motivi, persino su minori di appena 8 anni. Una moda causata da almeno tre fattori. Il primo, i videogiochi e le app come Plastic Surgery Princess che, Leggi tutto.

  • La “primina” per i figli non è sempre una buona idea

    Mandare i bambini in primina non è sempre una buona idea. Perché può metterli a rischio stress e depressione negli anni a venire. A dirlo, uno studio dell’Università di Exeter, che ha indagato sulle conseguenze delle iscrizioni premature dei piccoli alla scuola elementare. Dalle analisi e le testimonianze rilasciate da Leggi tutto.

  • La didattica neutra ultima frontiera negli asili svedesi

    Sono poco conosciuti ma hanno già portato i risultati sperati. Parliamo dei cosiddetti asili di genere neutro che la Svezia ha sperimentato per educare le nuove generazioni a rifiutare ogni forma di stereotipo di genere. Secondo un recente studio, i bambini che li hanno frequentati hanno, rispetto alla media, mostrano Leggi tutto.