Per distrarti dalla disoccupazione, fai finta di lavorare

di Annalisa Lista - 01.06.2015
Per distrarti dalla disoccupazione, fai finta di lavorare
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Per combattere lo stress da disoccupazione fanno finta di lavorare. Sono i disoccupati francesi, impiegati in aziende fittizie per allenarsi al prossimo impiego. Un progetto attivo da diversi anni e ancor più sponsorizzato in questi ultimi mesi di dura crisi, promosso dalla rete delle Entreprises d’Entraînement Pédagogique, supportata dal Ministero dell’Istruzione d'Oltralpe. In queste cosiddette "aziende di allenamento pedagogico", create in diversi settori professionali, le persone lavorano sul serio. Hanno il piano ferie, la griglia dei turni, la postazione in ufficio. Ricevono la busta paga, sempre finta, per prendere dimestichezza con le numerose voci del salario. Un training vero e proprio per aiutare, chi vi è ammesso, a mantenersi in esercizio, consolidare e sviluppare competenze, distrarsi dalla preoccupazione di non avere un lavoro.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Quest’anno boom di matricole nelle università italiane

    Aumentano sensibilmente gli iscritti alle università italiane: quasi 12 mila matricole in più rispetto allo scorso anno. Secondo i dati diffusi da Skuola.net, l’Ateneo che ha registrato l’incremento maggiore è quello di Perugia (+42%). Seguito da quello di Foggia (41,7%). In crescita anche Messina (+12,7), Catanzaro (+9,7%), Politecnico di Bari Leggi tutto.

  • In alcune scuole d’Italia ci si diplomerà in 4 anni

    Al via, in Italia, il diploma in 4 anni. Una sperimentazione che, a seguito della firma della Ministra dell’istruzione del relativo decreto, coinvolgerà 100 classi di licei e istituti tecnici in tutto il Paese. L’avviso sarà pubblicato a fine mese sul sito del MIUR e le scuole, sia statali che paritarie, Leggi tutto.

  • I giovani italiani preferiscono lavorare in proprio

    In Italia, nei primi sei mesi di quest’anno, quasi 1/3 delle nuove imprese è guidato da un under 35. Rispetto alla fine del 2016, il loro numero è aumentato del 6,1%, contro lo 0,3% del totale delle aziende del Bel Paese, mettendo a segno tra gennaio e giugno un saldo Leggi tutto.

  • Anche l’interprete tra le professioni introvabili in Italia

    In Italia, gli interpreti e i traduttori sono i laureati più “rari” da procurarsi sul mercato del lavoro. Almeno questo è quello che sostengono le aziende del Bel Paese, che segnalano come queste figure siano introvabili in 7 casi su 10. Meno difficile, ma altrettanto complicato, è reperire ingegneri elettronici Leggi tutto.

  • Clamoroso dietro front sugli smartphone in classe

    Presto i cellulari potrebbero essere di nuovo ammessi tra i banchi di scuola italiani. Forse non tutti sanno che, al momento nella nostra Penisola, vige il divieto di utilizzo di tutti i dispositivi elettronici durante le lezioni. Una normativa, introdotta nel 2007, che la Ministra dell’istruzione ha giudicato risalente "a Leggi tutto.

  • Risultati degli Esami di Maturità 2017

    In Italia, anche quest’anno, sono stati pochissimi i bocciati alla Maturità: solo lo 0,5% di tutti gli ammessi. Una percentuale che tra gli studenti che hanno sostenuto gli Esami di Stato delle scuole medie scende allo 0,2%. In base ai primi dati che emergono dalle rilevazioni condotte dal MIUR, il 62,5% Leggi tutto.