Per chi sta al mare in carrozzina, tre alternative all’ombrellone

di Ilaria Lonigro - 27.06.2017
Per chi sta al mare in carrozzina, tre alternative all’ombrellone
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Disabilità, in estate, fa rima con… surf e immersioni! Chi l’ha detto, infatti,  che  in carrozzina si debba stare parcheggiati sotto l’ombrellone? Le soluzioni per godersi le vacanze ci sono, e West le ha raccolte per voi.

La prima:  in spiaggia. Basta trasformare la propria sedia a rotelle in un mini carrarmato, per solcare senza fatica sabbia, erba, fango (persino neve, per le vacanze invernali). Si chiama Freedom Trax (qui una dimostrazione)  ed è un dispositivo cingolato che si monta senza aiuto, stando seduti, in poche, semplici, mosse. Usato soprattutto dai veterani americani, ma anche dai civili, l’apparecchio è prodotto a Chicago, in Illinois, va a batterie, ha un’autonomia di 5 miglia (circa 8 chilometri), regge fino a 113 chili e si controlla con un joystick. Sarà presentato dal 23 al 25 giugno al Chicago Abilities Expo. L’unico problema è il prezzo: circa 6000 euro da listino, ma si trova, scontato, anche a 4000 euro, su siti come questo. Le recensioni, c’è però da dire, sono entusiastiche.

La seconda: dalla riva alle onde. Il pioniere del surf per disabili è Massimiliano Mattei, livornese, classe 1976. Un incidente l’ha costretto in carrozzina, ma non gli ha tolto la voglia di tagliare le onde con la tavola. Per questo ne ha riadattata una aggiungendo  maniglie e cuscini che gli consentono di surfare disteso. Come ha dimostrato lo scorso anno ai mondiali di surf a  San Diego (California) in rappresentanza del nostro Paese .  Per fare come lui, basta andare alla scuola di adaptive surf “Surf4All” di Happy Wheels, al Bagno degli Americani di Tirrenia, in provincia di Livorno. “La fortuna di questa spiaggia, ecco la sua spiegazione,   “è quella di affacciarsi su due picchi di onda, con una zona di "secca" che rende il surf praticabile in assoluta sicurezza”.

La terza: immergersi con il B.O.B. (Breathing Observation Bubble), una moto subacquea con cui scendere fino a 12 metri, indossando un casco all’interno del quale si forma una bolla d’aria che consente di respirare. Non bisogna essere esperti per guidare il B.O.B. : niente marce, elettrico e, soprattutto, molto lento: massimo 5 chilometri orari. Ideale per ammirare i pesci tropicali, si noleggia un po' dappertutto: dall’Egitto alle Bahamas. (http://bit.ly/2si1d86).

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Un video promuove l’accessibilità degli impianti sportivi

    Gli atleti disabili devono lottare non solo in acqua o in pista per vincere una gara. Le barriere architettoniche fanno si che debbano essere in competizione 24 ore al giorno. Semplici azioni come fare una doccia dopo l'allenamento o aprire un armadietto degli spogliatoi possono diventare un vero e proprio Leggi tutto.

  • Così si rendono i musei accessibili ai disabili

    Una guida interamente dedicata all’accessibilità di mostre e musei. Arriva dal Ministero della cultura francese e si rivolge a tutti gli operatori e le imprese del settore, responsabili della progettazione di esposizioni permanenti e temporanee, nonché visite in tutti i tipi di attrazioni: musei, monumenti, biblioteche, siti archeologici o naturali, Leggi tutto.

  • Premiati i futuri geometri che progettano l’accessibilità

    Si è svolta ieri, a Roma, la cerimonia di premiazione della 5° edizione del Concorso “I futuri geometri progettano l’accessibilità". Una competizione rivolta a 26 classi degli Istituti Tecnici indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio di tutta Italia. I cui studenti sono stati chiamati a realizzare un progetto di abbattimento delle Leggi tutto.

  • L’antenata delle firefighter in azione a Londra

    Nel 1982 Josephine Reynolds è stata la prima donna ad essere arruolata nel corpo dei firefigther britannici. Infatti, come racconta in Fire Woman, autobiografia appena pubblicata, a 17 anni aveva fatto domanda per arruolarsi nel servizio antincendio e salvataggio dei pompieri di Norfolk. Alla fine di quaranta minuti di un non semplice Leggi tutto.

  • Sempre più disabili si ribellano alle compagnie aeree

    Il numero delle denunce presentate da viaggiatori disabili nei confronti delle compagnie aeree americane è più che raddoppiato in un decennio. Secondo un rapporto del governo degli Stati Uniti, infatti, sono stati più di 30 mila i reclami contro le aerolinee nel 2015, rispetto alle 14 mila del 2005. La Leggi tutto.

  • Oltre che dalle tasse Airbnb si tiene alla larga dai disabili

    Per i clienti nani, ciechi e cerebrolesi, c’è pochissimo spazio nelle case in affitto su Airbnb. La pesantissima accusa arriva da un autorevole studio condotto da un team di esperti dell’università di Rutgers nel New Jersey. Secondo il quale dicono no ai turisti disabili la stragrande maggioranza di coloro che Leggi tutto.