Non si può negare la paternità solo perché ex tossicodipendente

di Roberta Lunghini - 30.08.2016
Non si può negare la paternità solo perché ex tossicodipendente
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

In Italia, non si può negare a un padre con un passato da tossicodipendente di riconoscere la figlia. La Corte di Appello di Roma, infatti, ha dato torto a una madre che si opponeva a tale riconoscimento proprio per il pericoloso e colpevole stile di vita seguito per anni dal partner. Non solo problemi di droga, ma anche aggressioni ed episodi di violenza. Tuttavia i Giudici hanno preso una decisione ritenuta adatta a garantire “l’interesse prioritario della minore ad acquisire uno stato che completi la sua personalità nella integrale dimensione psico – fisica”. Mettendo in evidenza come ciò non possa venire ostacolato neanche dallo “stato di tossicodipendenza pregresso del genitore ovvero dalle condotte non esemplari del medesimo, anche nel caso di pregiudizi penali”.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Tra i due litiganti il piccolo decide

    Non si può rimpatriare una minore che vuole restare in Italia. Ecco la conclusione a cui è giunta la Cassazione nel trattare il caso di una bimba, residente abitualmente nel Regno Unito, che la madre aveva trattenuto nel nostro Paese al termine delle vacanze estive, “rifiutandone la consegna al padre Leggi tutto.

  • In estate la guerra per i figli diventa più cruenta

    In Italia, sono circa 20 mila i bambini che d’estate vengono contesi dai genitori separati o divorziati. Si tratta di un fenomeno che durante la bella stagione cresce a dismisura e riguarda sempre più coppie scoppiate. Come riportato dal Presidente AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani), è proprio in questo periodo Leggi tutto.

  • Milioni di click per il video del bimbo senza merenda

    Durante l'ora di ricreazione a scuola, un bambino esce tristemente dall’aula perché è l’unico a non avere di che mangiare. Ma quando torna al suo posto, trova una sorpresa: il suo porta-vivande riempito dai compagni di tante prelibatezze. Con 5 milioni di visualizzazioni in appena una settimana, lo spot del governo Leggi tutto.

  • Il tempo trascorso col figlio non determina il mantenimento

    In Italia, dopo il divorzio, l’assegno di mantenimento non cambia anche se il figlio passa più tempo con il padre obbligato al versamento. Così come in caso di affido condiviso del minore: a pagare di più è il genitore con il reddito più elevato indipendentemente dal tempo trascorso con l’uno Leggi tutto.

  • L’alienazione parentale costa cara davanti al giudice

    L’alienazione genitoriale non è una patologia clinicamente accertabile. Ma un insieme di comportamenti posti in essere dal genitore collocatario per emarginare e neutralizzare l’altro genitore. È quanto si legge in un recente decreto del Tribunale di Milano che ha, così, condannato una donna per essere stata la causa principale della Leggi tutto.

  • Sulla genitorialità gay siamo ormai alla fiera

    Al via la settimana inglese per aspiranti genitori gay, lesbiche, bisessuali e trans. Dal 6 al 12 marzo il Regno Unito ospiterà la LGBT Adoption & Fostering Week. Durante la quale nelle contee d’Oltremanica verranno organizzati eventi per coppie omosessuali desiderose di avere un figlio. Col convinto supporto delle autorità pubbliche Leggi tutto.