Non sente ma gestisce l’hotel più chic di Roma

di Annalisa Lista - 18.06.2015
Non sente ma gestisce l’hotel più chic di Roma
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Roberto Wirth, proprietario del celeberrimo Hotel Hassler di Roma, è nato sordo. Una condizione che non gli impedisce di chiacchierare e scherzare con star del calibro di Quentin Tarantino e Tom Cruise. Solo per fare alcuni nomi del jet set che quotidianamente scelgono il suo albergo per le loro vacanze romane.

I suoi genitori quando hanno capito di avere un figlio sordo?

Dopo il mio primo anno di vita. Sordità profonda, questo il responso dei medici. Che all’epoca, erano gli anni ’50, non sono stati in grado di spiegare il perché.

Come ha reagito la sua famiglia, appartenente alla celeberrima e secolare dinastia di albergatori Bucher-Wirth, a questa notizia?

Da un lato, mia madre, dalle idee più aperte, ha fatto meno fatica ad affrontare la mia disabilità. Mio padre, invece, si è categoricamente rifiutato di accettarla. La considerava, per il nostro ambiente, una intollerabile “imperfezione”. Al punto da rifiutare di dialogare con me e di imparare la lingua dei segni. Era duro, pretendeva che io parlassi come un qualsiasi udente. E questo suo atteggiamento di totale chiusura mi ha causato una profonda sofferenza che mi sono portato dietro tutta la vita. Era convinto che non ce l’avrei mai fatta.

Come è riuscito, invece, a smentire suo padre e ad affermarsi a livello professionale?

Semplicemente con passione e tanta forza di volontà. Mi sono innamorato del mio mestiere a cinque anni. Convinto che sarebbe stata la mia occupazione da grande. E che ce l’avrei fatta senza l’aiuto dei miei genitori. Ho studiato e lavorato all’estero, principalmente in America, per anni, acquisendo identità, autostima e fiducia in me stesso. E ho realizzato il mio sogno, contando solo sulle mie forze. Riuscendo alla fine a diventare proprietario e manager dell’hotel. Che è diventato la mia famiglia e la mia casa.

Ha mai subito episodi di discriminazione? Ne ricorda qualcuno che Le è rimasto particolarmente impresso?

Sì, una volta, quando lavoravo in cucina all’estero. Un cuoco mi chiese del burro. Ma io non capivo e lui cominciò a urlare, tirandomi un coltello.

Ha incontrato difficoltà nel patinato mondo delle celebrità che giornalmente anima un salotto d’eccellenza qual è il suo Hassler?

In realtà non mi sono mai sentito a disagio. Tutti mi hanno sempre rispettato molto. Quentin Tarantino, quando viene qui, chiede sempre di me, vuole sapere come sto. Oppure George Clooney, Richard Gere, Tom Cruise, tutti mi dimostrano stima e affetto. Chiunque arriva qui viene avvertito subito del mio handicap. E quindi si adatta a me. Sanno che posso parlare, sia in italiano che inglese, ma ho bisogno di leggere il labiale per comunicare. Come dicevo, è grazie alla mia tenacia che ho acquisito sicurezza e senso di me. Che mi ha insegnato a non sentirmi diverso. Al punto che a volte dimentico completamente di avere un handicap.

Com’è la sua vita sociale, invece, al di fuori della sua grande famiglia dell’Hassler?

Più complicata di quella professionale. È quando mi invitano a eventi e party che mi ricordo che sono un non udente. Questa è l’unica dimensione in cui mi sento limitato. Per cui, per non sentirmi a disagio, non partecipo alle feste. A meno che non si tratti di cene intime con cari amici.

Qual è il consiglio che si sente di dare ai giovani col suo stesso handicap che si preparano ad affrontare il mondo del lavoro?

Seguire il proprio cuore. Provare fino alla fine a realizzare il proprio sogno. Senza farsi ostacolare né dalla disabilità, né da chi tenta di scoraggiarti. Come accade, a volte, in famiglia.

Pubblicato in Disabili in cifre.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Addio a Chantek, l’orango che conosceva la lingua dei segni

    All’età di 39 anni è morto Chantek, l'orangotango che sapeva comunicare con la lingua dei segni (ASL). Fu uno dei primi primati a imparare questo linguaggio assieme a Koko la gorilla e Washoe lo scimpanzé. Chantek ha spesso utilizzato l’ASL per parlare con i suoi assistenti, con i quali ha Leggi tutto.

  • Quanti personaggi disabili ci sono a Hollywood

    Una nuova analisi condotta su centinaia di film ha scoperto che ad Hollywood le persone disabili sono ancora sottorappresentate. Secondo lo studio della scuola di Comunicazione e Giornalismo Annenberg, i personaggi disabili rappresentavano solo il 2,7% dei ruoli parlanti nei migliori film di Hollywood dello scorso anno, un dato che Leggi tutto.

  • L’emozionante Inno di Mameli delle pallavoliste sorde

    Hanno commosso ed emozionato tutti con la loro interpretazione in Lis dell’Inno di Mameli. Si tratta delle pallavoliste azzurre che si sono aggiudicate la medaglia d’argento alle ultime Olimpiadi dei sordi (Deaflympics 2017) di Samsun (Turchia). L’oro purtroppo non è arrivato perché le avversarie del Giappone si sono imposte per 3 Leggi tutto.

  • La disabilità negli Stati Uniti in 5 punti

    Il 12,6% della popolazione americana ha una forma di disabilità. Circa 40 milioni. I numeri sono stati diffusi dal Pew Research Center, che ha sottolineato cinque curiosità su questo segmento sociale. 1) È soprattutto la fascia d’età 35-64 anni la più colpita da un handicap. 2) La forma di disabilità più comune Leggi tutto.

  • Online l’informazione totale dei sordi per i sordi italiani

    Nasce in Italia la città dei sordi. Un sito web d’informazioni specifico per non udenti. È questa l’ultima iniziativa che l’Ente Nazionale Sordi ha appena messo a disposizione online. Un enorme contenitore web di risorse e documenti suddiviso in cinque “edifici”, all’interno dei quali è possibile consultare fotografie, articoli di giornale, risorse multimediali, Leggi tutto.

  • Un film per raccontare la sordità dei piccoli

    Quando scoprono che due dei loro tre figli sono sordi, Alberto e Luisa vanno in crisi. Si scontrano, si accusano perché la disabilità di Giulia e Carlotta li ha disorientati. Solo grazie agli incontri con specialisti del settore e lunghe riflessioni sul da farsi, la famiglia riesce a superare i Leggi tutto.