Nessuno affitta casa agli sposi con sindrome di Down

di Roberta Lunghini - 18.07.2014
Nessuno affitta casa agli sposi con sindrome di Down
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Al loro ritorno dal viaggio di nozze, Mauro e Marta non sanno ancora dove andranno ad abitare. Si tratta di due sposi affetti da sindrome di Down, 40 anni lui e quasi 30 lei, che dopo 10 anni di fidanzamento e 2 di convivenza in una casa famiglia a bassa intensità assistenziale, hanno deciso di fare il grande passo verso l'altare. Adesso il problema per loro, una volta finita la luna di miele, è trovare un appartamento adatto ai loro stipendi e al loro stile di vita. Visto che, come si legge in un comunicato dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), "la struttura che li accoglieva è stata costretta per motivi di sostenibilità economica, a rielaborare il proprio progetto senza al contempo poter garantire una continuità nell’immediato futuro". Ad aggravare la situazione il fatto che, in Italia, molto spesso i proprietari si rifiutano di affittare l'abitazione a persone con disabilità. Soprattutto se di tipo intellettivo.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Questo papà sfata i falsi miti sull’autismo

    Jason Love è un attivista di Los Angeles, teso a smontare gli stereotipi verso l’autismo, come quello che i bimbi affetti siano privi d’inventiva. L’uomo mostra, invece, come il figlio autistico crei scenari immaginari in cui sfogare le sue fantasie. Nel video - infatti - vediamo il bimbo “preparare dei Leggi tutto.

  • Anche se Down e autistica faccio di tutto per salvarla

    “Aiutatela a chiamarmi mamma”. Con queste parole la francese Justine Durmont inizia a raccontare la storia di Ava, la figlia di 4 anni che, caso rarissimo, ha sia la Sindrome di Down che l’autismo. A causa delle quali non ha alcuna autonomia nelle attività quotidiane, non parla e non comunica. Una doppia patologia Leggi tutto.

  • Con la Sindrome di Down è il boss delle marmellate

    Il re delle salse e confetture spalmabili in America è un ragazzo con la Sindrome di Down. Si chiama Nolan Stilwell ed è il fondatore di un brand, Heat Sweet, che da qualche anno sta spopolando in America. Si tratta di sughi e marmellate a base di peperoncino e frutti, Leggi tutto.

  • Per la Cassazione non c’è legame tra vaccino e autismo

    Dalla giurisprudenza italiana arriva un’altra decisione che nega il legame tra vaccino e autismo. Stavolta si tratta della Corte di Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso contro le sentenze di primo grado e d'appello, con le quali era stata rigettata la richiesta di indennizzo presentata dal tutore di un Leggi tutto.

  • Non sono gli antidepressivi in gravidanza a causare l’autismo

    I bambini esposti a antidepressivi durante le gravidanze delle loro madri sembrano avere un rischio leggermente più elevato di sviluppare l’autismo. Ma nel pubblicare le sue scoperte sul British Medical Journal, un team di ricercatori sostiene che questi risultati non dovrebbero causare allarme, poiché le probabilità assolute assolute rimangono molto Leggi tutto.

  • Per i ragazzi autistici americani ora è più divertente andare allo zoo

    Si trova ad Akron il primo zoo completamente autism-friendly dell’Ohio e il secondo in tutti gli Stati Uniti. Dopo la positiva esperienza del bioparco di Birmingham (Alabama), anche questo stato USA, infatti, ha voluto creare un luogo dove permettere ai ragazzi con bisogni speciali di ammirare gli animali di ogni specie. A usufruirne Leggi tutto.

Editoriale