Narciso si specchia sul web

di Annalisa Lista - 02.04.2013

L'epidemia del secolo si chiama narcisismo. E il contagio avviene tramite Internet. È quanto concludono due psicologi americani, autori del libro “The Narcissism Epidemic”, al quale si riallacciano diversi studi, tra cui quello pubblicato su Science Direct dall’eminente Dr. Nathan DeWall. D'accordo nell'affermare che si tratta di un fenomeno in rapidissima espansione, specialmente tra i giovani. E ciò che alimenta questo smisurato amore per se stessi è la presenza invasiva di social network, tra cui Facebok, Twitter, Pinterest. Piattaforme interattive sulle quali ognuno ha la possibilità di esprimersi liberamente attraverso messaggi, commenti e foto che ci ritraggono nelle pose più sexy e accattivanti. Tra le caratteristiche di questi webdipendenti, un uso eccessivo di pronomi in prima persona, la predilezione per un vocabolario infarcito di parole “antisociali”, un numero alto di followers sui social, sentimenti di ansia e depressione ogni qualvolta si attende un feedback che magari delude le loro aspettative.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Il proibizionismo USA prende di mira persino gli smartphone

    Il Colorado potrebbe diventare il primo stato al mondo a vietare la vendita degli smartphone agli under-13. A lanciare la proposta, che ha raccolto consensi politici bipartisan, l’associazione Parents Against Underaged Smartphones (PAUS) fondata da un agguerritissimo papà di cinque figli. Tom Farnum, questo il suo nome, professione anestesista, ha Leggi tutto.

  • La soluzione per i malati di shopping si chiama cashback

    Persino in Italia si può fare shopping guadagnando. Non è fantascienza, ma un fenomeno chiamato cashback e nato negli USA una decina di anni fa. Che adesso è sbarcato anche nella nostra Penisola. Grazie alla piattaforma Bestshopping.com, infatti, gli shopaholic del Bel Paese potranno riavere indietro parte dei soldi spesi Leggi tutto.

  • Riflessione di una psicologa sui malati di shopping

    "Un uomo non ti tratterà mai meglio di un grande magazzino". Se è così, allora, è vero quello che sosteneva Rebecca Bloomwood nel famoso bestseller I Love Shopping . Anche se, a volte, può essere solo il sintomo di una pericolosa patologia che spinge a comprare, in modo ossessivo-compulsivo, di Leggi tutto.

  • La prima indagine sui ludopatici italiani

    In Italia, a curarsi per il disturbo da gioco d’azzardo sono soprattutto gli uomini tra 41 e 50 anni. Con un rapporto maschi/femmine di 4 a 1. Un divario, quello di genere, che si riduce drasticamente con l’avanzare dell’età e diventa di 3:1 nella fascia 51-60, per poi scendere addirittura Leggi tutto.

  • Vi racconto il pericolo della dipendenza affettiva

    Confidente, compagna, psicologa, Elena per il suo ragazzo è stata questo e altro, innamorata più dell’idea di lui che non della persona reale. La separazione dei genitori da bambina, la nostalgia della figura paterna, Elena traumatizzata che all’inizio non comprende il vuoto che la segnerà: la sua ossessiva richiesta di Leggi tutto.

  • Perdere lo smartphone fa più paura dell’Isis

    L’idea di perdere lo smartphone spaventa quanto la minaccia di un attacco terroristico. Una verità che la dice lunga sulla nostra dipendenza dalla tecnologia e che è emersa da una classifica sugli avvenimenti più traumatici per gli inglesi stilata dalla Physiological Society. Che sottolinea come il timore che un esercito Leggi tutto.