È ufficiale, arriva la cannabis made in Italy

di Mattia Rosini - 18.09.2014
È ufficiale, arriva la cannabis made in Italy
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

L'Italia potrà produrre marijuana. Tra gli 80 e i 100 kg l’anno. Sufficienti per coprire le esigenze dei 600-900 mila malati italiani, che dovrebbero trovare i primi farmaci a base di cannabis made in Italy nel 2015. “Ma probabilmente la produzione sarà sufficiente persino per l’esportazione”, specifica il ministro della Difesa Roberta Pinotti, che insieme al ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha firmato oggi l’accordo che dà il via alla coltivazione di cannabis presso l’Istituto Farmaceutico Militare di Firenze.

È il primo passo per l’avvio di un progetto pilota, sviluppato dai due Ministeri e dalle Regioni, che sarà presentato entro la fine di ottobre al Consiglio Superiore della Sanità, cui spetta l’ok definitivo all’avvio della produzione. Ad ospitare le piantagioni sarà lo stabilimento fiorentino, un’eccellenza italiana nel campo della chimica-farmaceutica dal 1931. Vi lavorano circa 80 persone, compresi due periti agrari. Una forza lavoro più che sufficiente, assicura il direttore del centro, per portare avanti la produzione senza nessun costo aggiuntivo.

Saranno drasticamente ridotti, invece, i costi sostenuti dai malati per l’acquisto del farmaco – passato dal SSN solo in dieci regioni. Si calcolano una spesa fino a €900 al mese per i pazienti che seguono terapie a base di marijuana. Costi che saranno più che dimezzati, grazie alle piantagioni di Firenze. “Al momento, l’importazione del principio attivo ci costa €15 al grammo”, sottolinea il ministro Lorenzin. “Abbattendo i costi di produzione, risulterà di conseguenza molto più economico anche il farmaco”.

Farmaco che sarà inserito nei LEA ma che non sarà sintetizzato dai militari. A loro il compito di produrre soltanto il principio attivo (il THC, la marijuana insomma), fornito alle farmacie ospedaliere per la messa a punto del medicinale. Che, ovviamente, dovrà essere assunto sotto stretto controllo medico e dietro prescrizione.

Pubblicato in Marijuana/Cannabis.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • La droga più diffusa in Italia è la cannabis

    La cannabis rappresenta ancora la quota maggiore del mercato italiano delle sostanze illecite. Ciò è dovuto sia alla sua importazione da molti Paesi di approvvigionamento, ma anche all’aumento della produzione interna. Di rilievo il fatto che i cannabinoidi sono oltre il 90% del totale degli stupefacenti sequestrati nella nostra Penisola. Leggi tutto.

  • Non neghiamo la cannabis ai malati di sclerosi multipla

    Le persone con sclerosi multipla nel Regno Unito dovrebbero essere autorizzate a utilizzare legalmente la cannabis per alleviare i loro sintomi. Secondo un rapporto della MS Society 1 paziente su 10 in questa situazione soffre una condizione il cui dolore non può essere trattato con i farmaci attualmente messi a Leggi tutto.

  • Un chiarimento sulla coltivazione domestica della cannabis

    In Italia, non è reato coltivare marijuana in casa propria, purché lo si faccia in modo “domestico”. E non, invece, “secondo le regole della buona tecnica agraria”. Così si legge in una recente sentenza della Cassazione che ha assolto, perché il fatto non sussiste, un imputato nella cui abitazione erano Leggi tutto.

  • In Uruguay al via la vendita di cannabis in farmacia

    Il governo dell'Uruguay ha dato il via libera alla vendita di cannabis per uso ricreativo nelle farmacie. Sono 16 per ora quelle che si sono registrate per poterlo fare, ma ci si aspetta che saliranno a oltre 30 nei prossimi mesi. Il Paese sudamericano ha permesso la coltivazione, la distribuzione Leggi tutto.

  • Cannabis, sì della Camera alle firme sulla legge popolare

    La Camera dei Deputati italiana ha dato il via libera alle firme sulla legge popolare per la legalizzazione della cannabis nel nostro Paese. La Presidente Laura Boldrini, infatti, ha informato l'Associazione Luca Coscioni e i Radicali Italiani che il controllo dei certificati elettorali consegnati l'11 novembre scorso a sostegno della proposta Leggi tutto.

  • In Nevada la marijuana vittima del suo successo

    Boom di vendite di marijuana in Nevada ad appena una settimana dall'entrata in vigore della legge sulla legalizzazione votata a novembre. È solo dal 1° luglio, infatti, che nello stato americano è stata autorizzata la commercializzazione della cannabis a uso ricreativo. Una normativa che ha determinato un vero e proprio Leggi tutto.