Lesbiche, musulmane, oggi spose

di Luca Lauro - 04.06.2013
Lesbiche, musulmane, oggi spose
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Non capita certo tutti i giorni che una coppia di innamorate, lesbiche, musulmane convoli a nozze. E' successo, per la prima volta, in Inghilterra. Dove Rehana Kausar, di 34 anni, e Sobia Kamar, di 29, entrambe pachistane ed ex studentesse dell’Università di Birmingham, hanno pronunciato il loro “si” davanti ad un funzionario comunale di Leeds.  E successivamente hanno chiesto asilo politico nel Regno di Sua Maestà.

Da alcune testimonianze dei familiari, infatti, risulta che le due donne abbiano ricevuto minacce di morte, sia in Inghilterra che in Pakistan. Dove le relazioni omosessuali sono considerate illegali e non esistono leggi che vietino la discriminazione o le molestie sulla base del proprio orientamento.

Le due ragazze si sono incontrate tre anni fa durante gli studi comuni di business e gestione sanitaria e, dopo aver viaggiato per il paese grazie ai visti per studenti, sono andate a vivere insieme nel Yorkshire del Sud circa un anno fa. Rehana è originaria di Lahore e possiede anche un master in economia ottenuto presso l'Università del Punjab.

Negli ultimi anni in Gran Bretagna, alcune coppie gay e lesbiche musulmane hanno optato per un nikàh, sinteticamente e approssimativamente definibile come un contratto matrimoniale islamico. Strumenti giuridici, redatti in arabo, che non sono riconosciuti nel Regno Unito se non accompagnati da una cerimonia civile.

Non c’è stato dunque un rito di matrimonio islamico. La coppia non è riuscita a trovare un imam che la celebrasse, sarebbe stata una cerimonia a dir poco controversa.

Una parente ha sottolineato parlando ai giornali il coraggio delle due donne che sicuramente non è pensabile potranno mai fare ritorno nel proprio paese, viste le minacce ricevute. Al momento il Ministero degli Interni britannico non ha fornito aggiornamenti sullo stato di avanzamento della richiesta di asilo politico da parte delle due neospose.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’ospizio della love story lesbica

    La storia tra due anziane lesbiche di origini ispaniche che si innamorano mentre vivono in una casa di riposo americana. È questo il filo conduttore di “Amigas With Benefits”, il cortometraggio scritto e diretto da Adelina Anthony, premiato nell’ambito del PBS Online Film Festival. La pellicola racconta la lotta di queste instancabili donne per coronare Leggi tutto.

  • Malta legalizza i matrimoni omosessuali

    L'isola di Malta è il 15° paese europeo ad aver legalizzato i matrimoni fra persone dello stesso sesso. Il Parlamento del piccolo stato nel Mediterraneo ha votato a larga maggioranza la legge voluta dai laburisti al governo e sostenuta anche dalle opposizioni. Obiettivo della nuova norma è quello di modernizzare Leggi tutto.

  • La Germania vota a favore dei matrimoni gay

    Il parlamento tedesco ha approvato le nozze gay. Si tratta di un voto storico in Germania, che estende i diritti delle coppie eterosessuali anche a quelle omosessuali, adozione compresa. La nuova legislazione, oggetto di ampia e approfondita discussione, è stata approvata dai deputati del Bundestag con 393 voti favorevoli, 226 Leggi tutto.

  • 5 curiosità sui matrimoni gay negli Stati Uniti

    Cinque curiosità sui matrimoni gay in USA, svelate dal Pew Research Center. 1)  Aumenta il consenso popolare verso le unioni tra persone dello stesso sesso: + 8% negli ultimi dieci anni. 2) A favorire le nozze omosessuali sono però, soprattutto, i giovani atei. 3) Le unioni gay sono quasi raddoppiate in appena due Leggi tutto.

  • Caduta la scomunica tornano al vecchio classico altare

    Cresce il numero delle coppie omosessuali danesi che preferiscono sposarsi in chiesa piuttosto che in municipio. Dal 2012, ovvero da quando Copenaghen ha legalizzato le nozze gay, comprese quelle officiate dalla Chiesa evangelica-luterana, ovvero la religione nazionale danese, sono state oltre 400 le unioni tra persone dello stesso sesso celebrate Leggi tutto.

  • Una bufala la notizia del “matrimonio tra tre uomini”

    Nessun matrimonio, ma un semplice atto davanti a un notaio per la cointestazione dei beni. È questa la verità che smentisce quello che la stampa internazionale ha bollato come le prime nozze poliamorose al mondo. Il trio formato da Manuel Bermudez, Víctor Hugo Prada e Alejandro Rodriguez ha, infatti, dichiarato di Leggi tutto.