Le ragioni del fallimento della tv anti-bullismo

di Angelica Basile - 04.08.2017
Le ragioni del fallimento della tv anti-bullismo
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Tredici ragioni perché, la serie tv che tanto successo ha avuto lo scorso inverno, potrebbe aver fallito nel suo intento. Invece di ridurre, ha, forse, aumentato il tasso di propensione ai suicidi tra i teenager. Almeno secondo quanto emerso da un vasto studio pubblicato sul JAMA Internal Medicine. Il quale ha voluto mostrare i reali effetti di questo telefilm che ha come protagonista un’adolescente che decide di togliersi la vita perché vittima di bullismo. Una trama che, dicono gli esperti, anziché sensibilizzare il giovani sul tema ha scatenato una sorta di effetto emulazione. In concomitanza con la messa in onda dello sceneggiato, infatti, i dati su Google Search hanno fatto emergere un boom di ricerche sui modi e i metodi per uccidersi. Un dato da monitorare sebbene non esista evidenza di una correlazione chiara e diretta tra i casi di suicidio e la messa in onda di questa serie tv.

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Anche a Chicago hanno capito che d’estate l’ozio è padre dei vizi

    I lavoretti estivi sono una formidabile arma contro la criminalità giovanile. A sostenerlo, l’Università di Chicago dopo aver testato il successo del suo programma per combattere l’alto tasso di violenza tra le nuove generazioni che abitano l’hinterland della grande metropoli americana. Il progetto ha dimostrato, infatti, che dopo aver offerto, la scorsa estate, Leggi tutto.

  • Senza smartphone sono più esposti ai rischi del web

    Limitare ai bambini l’uso di internet non li protegge dai pericoli del web, anzi. A dirlo, l’istituto di ricerca inglese Education Policy Institute che ha indagato sull’utilizzo della rete e dei nuovi device come smartphone e tablet tra gli adolescenti d’Oltremanica. Dai risultati raccolti, è emerso che è vero che Leggi tutto.

  • La verità sul fenomeno del Blue Whale in Italia

    Solo il 5% delle 170 segnalazioni raccolte in Italia relativamente al Blue Whale, riguarda ipotesi di reato. Quali istigazione al suicidio o procurato allarme. È quanto riferito dal Ministro dell’interno intervenendo al Question Time di ieri alla Camera dei Deputati, su questo fenomeno divenuto tristemente conosciuto, che mira a coinvolgere Leggi tutto.

  • La legge contro il cyberbullismo spiegata dagli youtubers

    In Italia, è entrata in vigore da pochi giorni la legge contro il cyberbullismo. Per questa occasione, gli youtubers La Sabri Gamer, Giulia Penna, Jack Nobile, Cesca e Klaus con il loro video hanno aderito a #Cyberesistance. La campagna sviluppata da Web Stars Channel in collaborazione con il Professor Bernardo, Leggi tutto.

  • Dalla Polizia arriva il tasto “Stop Blue Whale”

    Prosegue senza sosta la lotta della Polizia italiana contro il Blue Whale. La pericolosa sfida che viene proposta in Rete a ragazzi giovanissimi con l’intento di manipolare la loro volontà e suggestionarli a tal punto da indurli a commettere atti di autolesionismo fino ad arrivare persino al suicidio. Dopo i Leggi tutto.

  • È Instagram il social network più pericoloso per i teenager

    È Instagram il social network che causa più problemi di autostima e depressione tra gli adolescenti. A dirlo, l’inglese Royal Society for Public Health, che ha stilato la classifica delle cinque piattaforme web di condivisione di foto, video e messaggi più minacciose per la salute mentale dei ragazzi. Secondo gli Leggi tutto.

Editoriale