Lamborghini premia i dipendenti più “secchioni”

di Roberta Lunghini - 19.07.2016
Lamborghini premia i dipendenti più “secchioni”
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Automobili Lamborghini ha deciso di premiare i propri dipendenti che continuano a studiare. Introducendo un nuovo sistema di valorizzazione dei titoli acquisiti, appunto, nel corso dell’attività lavorativa. In particolare è prevista l’erogazione di un riconoscimento di natura economica su 12 mensilità a partire da gennaio 2017 in favore di coloro che conseguono diploma, laurea o completano un master (di I o II livello) o un dottorato di ricerca. Si tratta di un’importante iniziativa dell’azienda emiliana che si inserisce in un programma più ampio avviato in collaborazione con le rappresentanze sindacali sul tema della formazione continua. L’anno scorso, ad esempio, sono state aumentate fino a 250 le ore dei permessi retribuiti di cui gli impiegati possono usufruire per poter frequentare Scuole medie superiori, Università o Master nel corso del triennio. Alle quali vanno aggiunte altre 100 ore per la preparazione e redazione della tesi di laurea.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Prima stima di ItaliaCamp sul valore sociale del calcio

    Per la prima volta in Italia, ItaliaCamp ha redatto il Bilancio d’Impatto di una società calcistica. Uno strumento, messo a punto in collaborazione con il Centro di Ricerca Governance & Sustainabiliy dell’Università LUISS Guido Carli, che è servito a definire una stima economica del ritorno “sociale” degli investimenti realizzati da Leggi tutto.

  • Usano un incredibile congedo parentale per farsi pubblicità

    Una settimana di congedo “parentale” per occuparsi di un cucciolo di cane. È la nuova frontiera del Welfare aziendale segnata dal noto birrificio scozzese BrewDog. Che ha appena deciso di concedere questo speciale benefit agli oltre mille dipendenti sparsi in mezzo mondo. Sette giorni lontani dal lavoro da dedicare completamente, come Leggi tutto.

  • Dall’Australia arriva la sexy-filantropia

    Con Vävven comincia l’era dei sex toys equi e solidali. La neonata azienda australiana è, forse, la prima al mondo in questo settore a destinare il 30% dei profitti ai giganti del volontariato e del sociale come Oxfam. I ricavi derivanti dalla vendita di vibratori, manette, frustini, lingerie super hot sono, in Leggi tutto.

  • Per manipolare i consumatori usano il gioco

    “Gli adulti, al pari dei bambini, imparano meglio giocando”. Per questo, secondo Lauren Ferro del Royal Melbourne Institute of Technology, le multinazionali di mezzo mondo per condizionare i comportamenti di consumatori e dipendenti stanno investendo fiumi di dollari nella Gamification. Coniato nel 2010 dal game-designer americano Jesse Schell, questo termine Leggi tutto.

  • Un bando per aziende e start-up dell’Emilia-Romagna

    Le aziende emiliano-romagnole hanno tempo fino al 10 ottobre 2016 per presentare le candidature alla seconda edizione del “Premio ER Responsabilità Sociale d'Impresa”. Che dà la possibilità alle aziende di questa regione italiana di candidare progetti su quattro categorie tematiche legate alla sostenibilità, in coerenza con gli obiettivi dell’Agenda 2030 Leggi tutto.

  • Aziende italiane promosse in impegno sociale

    Ben l'80% delle medie e grandi imprese italiane è impegnato in iniziative di CSR (Corporate Social Responsibility). Si tratta della percentuale più elevata mai registrata negli ultimi 15 anni. Per un investimento globale che ha raggiunto la cifra record di €1 miliardo e 122 milioni nel 2015. Le attività più Leggi tutto.