La Svezia contro le Ong che sull’aborto seguono Trump

di Ivano Abbadessa - 12.07.2017
La Svezia contro le Ong che sull’aborto seguono Trump
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Scontro a distanza sul diritto all'aborto fra la Svezia e gli Stati Uniti di Donald Trump. Il Paese scandinavo ha fatto sapere che non finanzierà più le Ong che accettano denaro dalla nuova amministrazione americana per programmi di salute sessuale e riproduttiva che non menzionano l'aborto nei paesi in via di sviluppo. “Si tratta di difendere il diritto delle donne di decidere quando, come e se avere figli. I diritti alla salute sessuale e riproduttiva sono un prerequisito essenziale per frequentare la scuola e diventare parte attiva del mercato del lavoro”, ha detto in un comunicato Carin Jämtin, direttrice dell'Agenzia svedese per la cooperazione internazionale. La Svezia, che lo scorso anno ha stanziato un budget di quasi €2 miliardi per questi programmi, ha informato che per compensare gli effetti della decisione di Trump contro l'aborto quest'anno assegnerà ulteriori €17 milioni per sostenere le organizzazioni che svolgono direttamente attività in materia di salute sessuale, contraccezione, aborto sicuro e cure materne.

Pubblicato in Denatalità/fertilità.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’Italia è il paese con meno mamme adolescenti in Europa

    Tra i Paesi dell'UE, l'Italia è quello con il numero più basso di donne che diventano madri prima di compiere 18 anni. Nel 2015 le mamme adolescenti sono state l'1,2% del totale delle nascite registrate nello Stivale. Seguono nella classifica europea Olanda e Slovenia (entrambe a 1,3%). D'altro canto, le Leggi tutto.

  • Nati prematuri a rischio diabete e obesità

    I bambini nati prematuri rischiano più degli altri obesità e diabete. A dirlo, uno studio dell’Università di Ben Gurion, in Israele. Che ha monitorato un gruppo di bambini fino all’età di 18 anni, per esaminare l’impatto della nascita pretermine. I risultati hanno confermato che quelli venuti alla luce tra la Leggi tutto.

  • Sulle nascite le tedesche fanno concorrenza alle immigrate

    Tornano a riempirsi le culle tedesche. Merito soprattutto delle autoctone nella fascia di età 40-44 anni, con elevati livelli d’istruzione, che negli ultimi cinque anni hanno scelto di diventare madri (+3%). Un incremento demografico lieve ma rilevante per un paese che in Europa ha tra i più bassi tassi di Leggi tutto.

  • Da quelle parti i figli ci sono ma mancano i ginecologi

    AAA cercasi ginecologi e ostetriche negli USA. L’appello arriva dal maxi report di Doximity, una delle più grandi community che riunisce online migliaia di medici yankee. La principale causa di questa penuria di specializzati nella cura salute femminile è di natura demografica. La stragrande maggioranza dei camici bianchi oggi in corsia è prossima Leggi tutto.

  • Come funziona l’utero in affitto in Portogallo

    Entra in vigore oggi, in Portogallo, la legge che consente il ricorso all’utero in affitto nei casi di sterilità femminile legata all’assenza o a una disfunzione dell’utero. La gestazione per conto di un'altra persona sarà possibile a titolo eccezionale e gratuito (ovvero senza contropartita per la madre surrogata) in caso di assenza Leggi tutto.

  • Con Instagram rompono il silenzio sul trauma dell’aborto

    Creare uno spazio dove le donne che hanno affrontato un aborto spontaneo possano condividere la loro esperienza. Rompendo, così, il silenzio che spesso accompagna questo tipo di evento traumatico. È con questo obiettivo che Jessica Zucker, psicologa statunitense, ha dato vita a “Ihadamiscarriage”, una pagina Instagram che raccoglie e racconta Leggi tutto.

Editoriale