La fatica è una malattia (da donne)

di Roberta Lunghini - 27.03.2014

In Italia, la Sindrome da Stanchezza (o Fatica) Cronica (Chronic Fatigue Syndrome) colpisce il 25% dei pazienti dello studio di un medico di medicina generale. In particolare le donne con un rapporto di 1.5:1 rispetto agli uomini. Secondo il documento «Determinanti della salute della donna, medicina preventiva e qualità delle cure:Chronic Fatigue Syndrome "CFS"», frutto di una ricerca dell’Age.na.s. (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), le ragioni sono molteplici. Tra queste certamente la tendenza della popolazione femminile a dare più importanza e a riferire più facilmente al dottore i sintomi rispetto a quella maschile, più propensa, invece, a minimizzare ritenendoli di scarsa importanza. Inoltre, le donne hanno l’inclinazione ad avvertire maggiormente la stanchezza per il duplice ruolo in ambito familiare e sociale, con un conseguente maggior impegno lavorativo giornaliero. Infine, sono soggette ad andare più facilmente incontro alla depressione, condizione che è strettamente associata alla fatica.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Come dare sollievo a chi ha un disturbo ossessivo compulsivo

    Il solo osservare altre persone lavarsi le mani fornisce sollievo a chi soffre di disturbo ossessivo compulsivo e potrebbe essere sufficiente per ridurre la voglia di eseguire l'azione nella vita reale. A dirlo è un team di scienziati dell'Università di Cambridge, sostenendo che questo risultato potrebbe condurre allo sviluppo di Leggi tutto.

  • Gli italiani pensano che i tumori sono incurabili

    In Italia, aumenta la sopravvivenza al cancro. Ben 6 pazienti su 10, infatti, riescono a sconfiggerlo. Tuttavia, addirittura il 46% dei cittadini considera ancora il tumore una patologia incurabile. Così in realtà non è, anche se colpisce oltre 365mila persone l’anno nel Paese: circa 1.000 nuovi casi al giorno. Sono Leggi tutto.

  • Dalla genetica buone notizie contro le malattie rare

    Un team di ricercatori ha portato a termine con successo una serie di esperimenti di editing genetico su embrioni umani, mostrando che è possibile correggere difetti del Dna legati all’insorgenza di malattie innate. L'eccezionale studio americano, realizzato dalla Oregon Health and Science University, utilizza la tecnica Crispr, acronimo di Clustered Leggi tutto.

  • Rischio cancro al colon-retto per adolescenti obesi

    Gli adolescenti con problemi d’obesità rischiano più degli altri, da adulti, il cancro al colon e al retto. A lanciare l’allarme, un maxi- studio del Rabin Medical Center e dell’Università di Tel Aviv. Gli autori hanno analizzato lo stato di salute di più di due milioni di ragazzi tra i Leggi tutto.

  • Con Instagram rompono il silenzio sul trauma dell’aborto

    Creare uno spazio dove le donne che hanno affrontato un aborto spontaneo possano condividere la loro esperienza. Rompendo, così, il silenzio che spesso accompagna questo tipo di evento traumatico. È con questo obiettivo che Jessica Zucker, psicologa statunitense, ha dato vita a “Ihadamiscarriage”, una pagina Instagram che raccoglie e racconta Leggi tutto.

  • Sulle malattie rare nessuno batte l’Italia

    L’Italia è un’eccellenza a livello europeo per quanto riguarda la cura delle malattie rare. Con il maggior numero di Centri di riferimento nei network che riuniscono le strutture di expertise per patologie rare e complesse (ERN - European Reference Networks): 189 su un totale di 942 (il 20% circa). Anche Leggi tutto.