La didattica neutra ultima frontiera negli asili svedesi

di Redazione West - 22.06.2017
La didattica neutra ultima frontiera negli asili svedesi
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Sono poco conosciuti ma hanno già portato i risultati sperati. Parliamo dei cosiddetti asili di genere neutro che la Svezia ha sperimentato per educare le nuove generazioni a rifiutare ogni forma di stereotipo di genere. Secondo un recente studio, i bambini che li hanno frequentati hanno, rispetto alla media, mostrano una minore tendenza o addirittura una totale assenza di atteggiamento discriminatori nei confronti dell’altra metà del cielo. Merito, dicono gli esperti, di uno specialissimo metodo didattico che prevede, ad esempio, l’obbligo per le maestre e i bidelli di chiamare i bambini e le bambine ricorrendo al pronome neutro svedese hen. Niente adesivi azzurri e rosa e fiocchetti sui grembiulini, i giochi e i libri sono unisex.  

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Sui NEET l’Italia non cambia

    In Italia, quasi un giovane su cinque tra i 15 e i 24 anni, non ha un lavoro, non lo cerca, né è impegnato in un percorso di studi o di formazione. Si tratta dei cosiddetti Neet e il nostro Paese si riconferma avere uno dei tassi più alti dell’Unione Leggi tutto.

  • L’ANFFAS mette le scuole sotto osservazione

    Una campagna di monitoraggio su tutto il territorio italiano per sorvegliare la reale inclusione dei disabili a scuola. Avviata dall’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), si pone l’obiettivo di far venire alla luce tutte le eventuali disfunzioni che verranno riscontrate a partire dal prossimo anno Leggi tutto.

  • Qui le scuole elementari cambiano per i bambini trans

    Aumentano le scuole spagnole che promuovono programmi ad hoc per l’inclusione degli studenti transgender. Tanto che è stato addirittura creato un “certificato di riconoscimento” per quegli istituti che impartiscono corsi di formazione a docenti, studenti e famiglie volti a superare discriminazioni e pregiudizi nei confronti di chi non si identifica Leggi tutto.

  • Se non sono i genitori è la legge a vietare loro la chirurgia estetica

    Vietare agli under-18 gli interventi di chirurgia estetica. Il severo monito arriva dal Consiglio di bioetica inglese allarmato dal boom di operazioni, per futili motivi, persino su minori di appena 8 anni. Una moda causata da almeno tre fattori. Il primo, i videogiochi e le app come Plastic Surgery Princess che, Leggi tutto.

  • La “primina” per i figli non è sempre una buona idea

    Mandare i bambini in primina non è sempre una buona idea. Perché può metterli a rischio stress e depressione negli anni a venire. A dirlo, uno studio dell’Università di Exeter, che ha indagato sulle conseguenze delle iscrizioni premature dei piccoli alla scuola elementare. Dalle analisi e le testimonianze rilasciate da Leggi tutto.

  • Contro l’astensionismo giovanile li educano a votare fin da piccoli

    È stata ribattezzata la più giovane democrazia al mondo. Parliamo della scuola materna Dolli-Einstein-Haus di Pinneberg, Germania del Nord. Qui sono i piccolissimi studenti (3-5 anni) a scegliere tramite regolari elezioni cosa mangiare e a quali attività partecipare. Le urne si aprono una volta alla settimana per chiedere ai baby-elettori quale Leggi tutto.