In questi paesi UE gli immigrati hanno due passaporti

di Giuseppe Terranova - 13.10.2017
In questi paesi UE gli immigrati hanno due passaporti
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Prima di addentrarci nel dettaglio su come è regolata la concessione della cittadinanza nel Vecchio Continente, è necessario premettere quanto segue.

PREMESSA

Per doppia cittadinanza si intende la possibilità legale concessa agli immigrati di diventare cittadini del Paese ospitante, senza perdere la cittadinanza dello Stato di origine.
In Europa, contrariamente a quanto si è registrato fino agli anni Sessanta del secolo scorso, prevale oggi un orientamento giuridico di maggiore tolleranza nei confronti della doppia cittadinanza. Per almeno tre fattori:

- La nascita di norme più efficaci contro la discriminazione di genere.
- Un lungo periodo di pace nelle relazioni internazionali.
- Un cambiamento di percezione degli interessi statali nell’ambito della migrazione.

Con l’aggiunta che nel Vecchio Continente, l’approvazione di norme contro la discriminazione di genere ha consentito ai figli di coppie miste di ereditare la cittadinanza non solo dai padri ma anche dalle madri.
Un mutamento accelerato anche dal cambio di strategia dei paesi di origine che tradizionalmente guardavano i loro emigrati come una risorsa persa, ma in seguito, ne hanno scoperto il valore economico e politico. Prendendo atto che privare gli emigrati della loro cittadinanza dopo la naturalizzazione nel paese di insediamento, significava tagliare inutilmente quei legami che facilitavano l’arrivo in patria di ingenti rimesse o che li aiutavano ad acquisire appoggio politico in un paese straniero.

ITALIA. E’ ammessa la doppia cittadinanza. Con il decreto ministeriale del 7 ottobre 2004 è stato, infatti, abolito l’obbligo per gli stranieri che diventano cittadini italiani di rinunciare alla cittadinanza di origine.

FRANCIA. E’ ammessa la doppia cittadinanza. Il possesso di una o più altre nazionalità non ha, in linea di principio, alcuna incidenza sulla cittadinanza francese. La legge non richiede, infatti, che uno straniero diventato francese rinunci alla sua cittadinanza di origine o che un francese diventato straniero rinunci alla cittadinanza francese. La Francia non stabilisce distinzioni fra coloro che hanno una doppia cittadinanza e tutti gli altri francesi per quanto riguarda i diritti e i doveri legati alla cittadinanza.

INGHILTERRA. È ammessa la doppia cittadinanza. Nel Regno Unito, a differenza che in Germania o in Spagna, il possesso di una o più altre nazionalità non ha, in linea di principio, alcuna incidenza sulla cittadinanza britannica.

GERMANIA. Non è ammessa la doppia cittadinanza, salvo in alcuni casi. Per i cittadini svizzeri ed europei sulla base del principio di reciprocità. E per i figli degli immigrati nati in Germania, visto che dal 2014 è stato abolito il cosiddetto Optiospflicht: l’obbligo di scegliere una sola nazionalità – quella tedesca o quella della famiglia di origine – al compimento dei 23 anni.

SPAGNA. Non è ammessa la doppia cittadinanza, salva in alcuni casi. Ossia quelli previsti dall'art.11, comma 3 della Costituzione, che riguardano gli stranieri provenienti dall'America latina e da Andorra, Filippine Guinea Equatoriale e Portogallo (El Estado podrá concertar tratados de doble nacionalidad con los países iberoamericanos o con aquellos que hayan tenido o tengan una particular vinculación con España). Lo stesso articolo, infine, introduce il principio generale del divieto della privazione della cittadinanza nei confronti degli spagnoli d’origine.

Pubblicato in Cittadinanza.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Italia l’immigrazione è cambiata così

    Spesso i numeri sono aridi e noiosi, ma quelli sull’immigrazione fanno sempre eccezione. Come dimostrano le ultime rilevazioni Istat sulla popolazione straniera in Italia nel 2016. Da cui emergono tre fondamentali novità che hanno lasciato molti a bocca aperta. 1) Aumenta il numero degli immigrati che ottengono la cittadinanza italiana. Sono Leggi tutto.

  • Sulla cittadinanza agli immigrati stiamo meglio del resto d’Europa

    C’è un dato, da molti dimenticato in Italia, forse utile a fare chiarezza sull’infuocata discussione sullo ius soli. Il nostro è, secondo Eurostat, il paese europeo che concede annualmente il più alto numero di cittadinanze agli immigrati. Tant’è che nel 2015, ultime statistiche disponibili, sono stati 178 mila quelli che Leggi tutto.

  • Adesso anche i milionari fanno gli immigrati

    Che il numero degli immigrati sia in relativa crescita è cosa nota. Ma, almeno fino a ieri, non sapevamo che il loro aumento riguardasse anche i “paperoni” di mezzo mondo. Una novità analizzata e descritta nel recente, brillante saggio ”Millionaire Emigration” del Migration Policy Institute di Washington. Secondo cui nel Leggi tutto.

  • Come i figli degli immigrati acquisiscono la cittadinanza

    Italia: Le legge n.91 del 5 febbraio 1992 modificando, in parte, la disciplina sulle modalità di concessione della cittadinanza in vigore dal 1912, ha confermato che i figli degli immigrati che nascono nel nostro paese non acquisiscono automaticamente lo status civitatis. Ma solo se lo richiedono tra il diciottesimo e Leggi tutto.

  • Cinque curiosità sugli immigrati regolari in USA

    Negli Stati Uniti, su 44,7 milioni di immigrati, ben 33,8 sono regolari. A rivelare la cifra, il Pew Research Center, che ha evidenziato cinque fatti su questo segmento di stranieri in occasione della maxi riforma sull’immigrazione cui il Presidente Trump ha dato il via nelle ultime ore. 1) Ogni anno, un Leggi tutto.

  • Negli USA anche se non sai l’inglese ti danno la cittadinanza

    Più del 30% dei cittadini americani di origine immigrata non sa né leggere né scrivere in inglese. Cosa che spesso ne ostacola il processo di integrazione sociale ed economica. È quanto emerge dall’ultimo  rapporto del Center for Immigration Studies. Che, analizzando le competenze linguistiche di un vasto campione di stranieri che hanno Leggi tutto.