Il sindaco sceriffo e il medico paziente

di Guido Bolaffi - 23.02.2016
Il sindaco sceriffo e il medico paziente
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Sono in molti a ritenere che siano solo due le cause del successo o dell’insuccesso delle politiche di integrazione degli immigrati: la chiusura culturale di chi accoglie o, all’opposto, l’irragionevolezza delle richieste dei nuovi arrivati. Un’alternativa falsa e priva di scampo perché ignora che in questa, come in tante altre complicate questioni dell’agire sociale, molto se non tutto dipende da quella piccola cosa che si chiama buon senso.

Prendiamo, ad esempio, l’ultimo ma assai emblematico caso di Charlon-sur-Saone. Ricca cittadina di provincia della Borgogna francese assurta agli onori della cronaca nazionale per gli esiti diametralmente opposti prodotti dalle  strategie adottate nei confronti della popolazione immigrata dalla giunta comunale e dalla direzione del locale ospedale. Il perché è presto detto.

La  prima, in nome di una rigida, astratta applicazione del principio della laicità previsto dalla legislazione transalpina, poche settimana fa ha votato la cancellazione dai menu scolastici dei pasti con cibi alternativi a quelli a base di  maiale. Innescando conflitti e gravi tensioni pagate, tra l’altro e senza colpa, dai piccoli immigrati figli di famiglie musulmane.

La seconda, invece, in base al principio semplice quanto saggio “de ne pas faire figurer comme un problème c’est qui n’en est pas un” ha scelto, a condizione che la disponibilità di personale lo consentisse e non ne risentisse il buon funzionamento del nosocomio, di accogliere, ad esempio, le richieste “particolari” delle degenti immigrate del reparto di ostetricia e di speciali procedure funerarie per i pazienti di fede musulmana deceduti. Dimostrando che con un pizzico di intelligenza e, soprattutto di buon senso, l’integrazione ragionevole tra chi c’è e chi arriva non è una chimera ma un obbiettivo a portata di mano.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Italia per l’immigrazione ci vuole il modulo 2-3-4

    Visto quello che succede in giro nel mondo non bisogna essere dei grandi profeti per immaginare che anche da noi l’immigrazione sarà centrale nell’ormai prossima competizione elettorale. Ed un banco di prova, difficile ma non impossibile, per un programma elettorale riformista al passo con l’Europa e, soprattutto, con i tempi. Leggi tutto.

  • L’Italia dell’immigrazione ha bisogno di una nuova leva militare

    Il servizio militare obbligatorio può essere un formidabile strumento di integrazione degli immigrati. A sostenerlo è Ori Swed, sociologo dell’università del Texas, autore, con il collega John Sibley Butler, di uno dei più importanti studi internazionali sulle conseguenze sociali della vecchia, e da molti odiata, leva. Lo abbiamo intervistato. In Europa Leggi tutto.

  • C’è un’altra via per giungere allo ius soli

    In politica come nella vita può accadere, talvolta, che non tutti i mali vengano per nuocere. A patto, però, di avere la volontà e l’intelligenza per ribaltare la necessità in virtù. Come nel caso del tristissimo rinvio alle calende greche deciso ieri dal Senato del provvedimento (già votato dalla Camera) Leggi tutto.

  • Zuckerberg spaventa Trump e i falchi anti-immigrati

    A complicare la vita di Trump, come se non bastassero i tanti guai che ha, torna, e non è la prima volta, quello dell’immigrazione. Scade oggi infatti l’ultimatum lanciato dai governatori conservatori di molti stati per la cancellazione, promessa e ripromessa in campagna elettorale dall’inquilino della Casa Bianca prima di Leggi tutto.

  • Non c’è un’unica integrazione per tutti gli immigrati

    Adriano Cancellieri è sociologo all’università Iuav di Venezia. Ha appena pubblicato Migranti e Spazio urbano nell’ultimo numero della rivista Il Mulino. D: In un suo ultimo articolo lei sostiene, in estrema sintesi, che parlare di integrazione degli immigrati significa tutto e niente. Ci può spiegare che cosa intende? R: Tutti parlano di Leggi tutto.

  • La seconda generazione è una piaga dell’immigrazione

    Boom di disoccupati tra i figli degli immigrati magrebini in Francia. Rispetto agli autoctoni, le seconde generazioni di nordafricani, a dieci anni dalla Maturità, fanno registrare un tasso di disoccupazione pari al doppio. Una disparità tra i giovani francesi doc e quelli di origine straniera che si rileva anche fra Leggi tutto.