Il “drogometro” arriva in tutte le strade italiane

di Roberta Lunghini - 25.07.2017

D’ora in poi, in Italia, le forze di Polizia potranno effettuare un test immediato sull'automobilista per verificare se ha assunto stupefacenti. Questo perché l'uso del cosiddetto “drogometro”, già provato in via sperimentale nel 2015 in alcune province del Bel Paese, verrà esteso a tutto il territorio nazionale. Una recente circolare del Ministro dell’interno, contenente indicazioni volte a prevenire e contrastare i comportamenti che sono le principali cause di incidenti stradali, infatti, visti gli ottimi risultati raggiunti durante la sperimentazione, considera utile replicare il modello anche nelle altre città della Penisola.

Pubblicato in Tossicodipendenza.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • A cadere nella morsa della droga non sono solo i giovani

    Per la prima volta, i 40enni inglesi hanno più probabilità di morire per abuso di droga rispetto a tutte le altre fascie di età. Il tasso di mortalità tra questo gruppo è passato da 95,1 decessi per milione di persone nel 2015 a 108,0 nel 2016. Secondo l'Ufficio delle statistiche del Leggi tutto.

  • La droga più diffusa in Italia è la cannabis

    La cannabis rappresenta ancora la quota maggiore del mercato italiano delle sostanze illecite. Ciò è dovuto sia alla sua importazione da molti Paesi di approvvigionamento, ma anche all’aumento della produzione interna. Di rilievo il fatto che i cannabinoidi sono oltre il 90% del totale degli stupefacenti sequestrati nella nostra Penisola. Leggi tutto.

  • I medici americani responsabili dell’epidemia di eroina

    Dietro l’epidemia di eroina negli Usa ci sono persino i medici di base. L’80% degli eroinomani americani è, infatti, caduto nel vortice della dipendenza in seguito alla prescrizione di oppiacei da parte dei sanitari. A lanciare l’allarme è il rapporto del Comitato incaricato di monitorare il fenomeno. Dal quale emerge Leggi tutto.

  • Non neghiamo la cannabis ai malati di sclerosi multipla

    Le persone con sclerosi multipla nel Regno Unito dovrebbero essere autorizzate a utilizzare legalmente la cannabis per alleviare i loro sintomi. Secondo un rapporto della MS Society 1 paziente su 10 in questa situazione soffre una condizione il cui dolore non può essere trattato con i farmaci attualmente messi a Leggi tutto.

  • Un chiarimento sulla coltivazione domestica della cannabis

    In Italia, non è reato coltivare marijuana in casa propria, purché lo si faccia in modo “domestico”. E non, invece, “secondo le regole della buona tecnica agraria”. Così si legge in una recente sentenza della Cassazione che ha assolto, perché il fatto non sussiste, un imputato nella cui abitazione erano Leggi tutto.

  • In Uruguay al via la vendita di cannabis in farmacia

    Il governo dell'Uruguay ha dato il via libera alla vendita di cannabis per uso ricreativo nelle farmacie. Sono 16 per ora quelle che si sono registrate per poterlo fare, ma ci si aspetta che saliranno a oltre 30 nei prossimi mesi. Il Paese sudamericano ha permesso la coltivazione, la distribuzione Leggi tutto.