Il disabile che chiede aiuto per tornare a correre in alta quota

di Roberta Lunghini - 23.06.2015
Il disabile che chiede aiuto per tornare a correre in alta quota
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Si chiama Francis Desandré, ha sempre vissuto in montagna e ama lo sport. Purtroppo, però, a seguito di un infortunio sul lavoro gli è stata amputata una gamba. Lui, comunque, non si è lasciato scoraggiare e a ricominciato a praticare lo sci, prima con degli specifici ausili sulle stampelle e poi direttamente con le protesi. Il suo sogno adesso è quello di partecipare al Tor des Géants, un ultra trail sulle Alte Vie della Valle d’Aosta. Ma non può. E tutto a causa di un vuoto legislativo. Non esistono, infatti, norme che regolino l'accesso a questo genere di specialità da parte di un disabile e che tuteli sia l'organizzazione che l'atleta. Per questo ha lanciato una petizione chiedendo alle Istituzioni di intervenire ponendo fine a questa discriminazione che non consente ai portatori di handicap di praticare questa disciplina, né da soli e neppure se accompagnati.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Per chi sta al mare in carrozzina, tre alternative all’ombrellone

    Disabilità, in estate, fa rima con… surf e immersioni! Chi l’ha detto, infatti,  che  in carrozzina si debba stare parcheggiati sotto l’ombrellone? Le soluzioni per godersi le vacanze ci sono, e West le ha raccolte per voi. La prima:  in spiaggia. Basta trasformare la propria sedia a rotelle in un mini Leggi tutto.

  • Un video promuove l’accessibilità degli impianti sportivi

    Gli atleti disabili devono lottare non solo in acqua o in pista per vincere una gara. Le barriere architettoniche fanno si che debbano essere in competizione 24 ore al giorno. Semplici azioni come fare una doccia dopo l'allenamento o aprire un armadietto degli spogliatoi possono diventare un vero e proprio Leggi tutto.

  • Così si rendono i musei accessibili ai disabili

    Una guida interamente dedicata all’accessibilità di mostre e musei. Arriva dal Ministero della cultura francese e si rivolge a tutti gli operatori e le imprese del settore, responsabili della progettazione di esposizioni permanenti e temporanee, nonché visite in tutti i tipi di attrazioni: musei, monumenti, biblioteche, siti archeologici o naturali, Leggi tutto.

  • Premiati i futuri geometri che progettano l’accessibilità

    Si è svolta ieri, a Roma, la cerimonia di premiazione della 5° edizione del Concorso “I futuri geometri progettano l’accessibilità". Una competizione rivolta a 26 classi degli Istituti Tecnici indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio di tutta Italia. I cui studenti sono stati chiamati a realizzare un progetto di abbattimento delle Leggi tutto.

  • L’antenata delle firefighter in azione a Londra

    Nel 1982 Josephine Reynolds è stata la prima donna ad essere arruolata nel corpo dei firefigther britannici. Infatti, come racconta in Fire Woman, autobiografia appena pubblicata, a 17 anni aveva fatto domanda per arruolarsi nel servizio antincendio e salvataggio dei pompieri di Norfolk. Alla fine di quaranta minuti di un non semplice Leggi tutto.

  • Sempre più disabili si ribellano alle compagnie aeree

    Il numero delle denunce presentate da viaggiatori disabili nei confronti delle compagnie aeree americane è più che raddoppiato in un decennio. Secondo un rapporto del governo degli Stati Uniti, infatti, sono stati più di 30 mila i reclami contro le aerolinee nel 2015, rispetto alle 14 mila del 2005. La Leggi tutto.