Il dilemma del disabile che cerca l’amore online

di Ivano Abbadessa - 04.03.2016
Il dilemma del disabile che cerca l’amore online
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Se non subito, quando? È questo il dilemma di molti disabili che cercano l’amore online. Perché se lo fanno, rischiano che nessuno li contatti. Ma se traccheggiano prima di farlo, entrano in paranoia su qual è il momento per confessare  alla persona con cui chattano da ore se non giorni o mesi, di essere ciechi, sordi o in carrozzina e su come gestire un'eventuale reazione negativa?

Ho eliminato la mia sedia a rotelle da tutte le foto che posto su Tinder, confessa una diciannovenne inglese affetta da paralisi cerebrale ed epilessia. “Quando sono in un bar o in un pub con gli amici nessun ragazzo mi si avvicina” - continua. “Ho la sensazione che guardandomi vedano solo la carrozzina e non la persona che ci siede sopra. Sulla chat, invece, posso parlare con loro per qualche giorno prima di rivelargli la mia vera identità.”

Le fa eco Michelle, 26enne di Liverpool che zoppica vistosamente. Quando ha iniziato a frequentare siti di incontri ha scelto di celare la sua vera condizione. Normalmente aspettava almeno una settimana prima di confessare la sua disabilità, ma dopo che un uomo l'ha pesantemente accusata di mentire Michelle ha cambiato idea. Decidendo, con il rischio di fare intorno a sé il deserto, di confessare subito il suo handicap. Visto che, secondo un recente sondaggio, solo il 5% degli inglesi ha accettato un appuntamento con un disabile conosciuto su un’App o un sito di incontri. Il resto ha dichiarato apertamente di evitarli.

Un dato che però non ha scoraggiato Andy, 43enne di Manchester rimasto paralizzato dal torace in giù dopo un incidente motociclistico, che sul suo profilo mette sempre in bella mostra la sua sedia a rotelle. Anche se sa che questo spingerà molte ragazze a tenersi alla larga da lui. Lo fa perché vuole “mettere in chiaro fin da subito che, sì, anche se sono così mi piace la mia vita” - dice. Spesso è lui stesso a mandare un messaggio agli utenti che consultano il suo profilo senza però scrivergli: “ti chiedo di essere sincera, non mi contatti perché sono su una carrozzina vero?” Domanda rimasta sin’ora senza risposta.

 

Pubblicato in Disabili e sessualità.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Un utile supporto per i disabili che amano il Kamasutra

    Avere una vita sessuale disinibita nonostante la disabilità? Oggi è possibile grazie a Handylover. Uno straordinario ausilio personalizzabile e regolabile con diverse opzioni ergonomiche che consente una maggiore mobilità e facilità nel compiere taluni movimenti o posizioni. E che offre a tutti, da soli o in coppia, la possibilità di Leggi tutto.

  • La Francia riconosce i primi assistenti sessuali per disabili

    Sono sette i primi "neo-laureati" che in Francia hanno ottenuto lo status ufficiale di accompagnatore sessuale per disabili. Quattro svizzeri e tre francesi; un uomo e sei donne. Che per un anno hanno seguito un corso di formazione articolato in 120 ore di lezione divise in quattro grandi temi: sessuologia, psicologia, Leggi tutto.

  • Per i malati d’Alzheimer arrivano i robot prostituti

    Un robot per soddisfare i bisogni sessuali degli anziani nelle case di riposo. A proporlo nel suo ultimo report la Fondazione Internazionale Responsible Robotics. Dal quale emerge che gli automi (già impiegati come badanti per gli over-70 che vivono soli a casa), potrebbero essere utilizzati anche a scopo terapeutico per coloro che Leggi tutto.

  • Racconta con ironia come vive la sessualità da disabile

    Non voleva rinunciare al sesso per colpa della sua disabilità. E così, sfidando mille tabù e armandosi del suo spiccato humour, è riuscita a mantenere la promessa fatta a se stessa. Stiamo parlando della scrittrice Barbara Galaschelli, che racconta, in maniera molto leggera e ironica, il suo percorso di iniziazione sessuale Leggi tutto.

  • Vi racconto come ci innamoriamo noi gay disabili

    Sesso, disabilità, omosessualità. Nell’immaginario comune, sono tre parole che non vanno d’accordo. A smontare il falso mito che un disabile, magari gay, non possa andare alla ricerca dell'amore, un divertente video girato dall’associazione bolognese Jump Oltre, che difende i diritti dei disabili LGBT. Protagonista di spicco della clip è il Leggi tutto.

  • Il loro sarà un San Valentino dell’altro mondo

    Questo San Valentino è dedicato a una storia d’amore un po’ speciale. Quella tra Hélène e Laurence, lesbiche e disabili. Una ha riportato un grave handicap a seguito di un incidente stradale, mentre l’altra ha subito importanti danni cerebrali dopo un problema cerebrovascolare all’età di 20 anni. In coppia dal Leggi tutto.