I deputati di origine straniera nei diversi paesi UE

di Ivano Abbadessa - 18.02.2016

La presenza dei deputati di origine straniera nei diversi parlamenti europei dipende, in gran parte, dalla storia dell’immigrazione delle singole nazioni. In Spagna, dove gli immigrati sono l’11% dei residenti, solo l’1% degli onorevoli ha un background migratorio. In Grecia la stessa proporzione è di 8% a 1%. Mentre in Italia di 6% a 2%. Dall’altro lato della classifica si trovano le nazioni che, grazie a una più antica tradizione migratoria,  vantano un maggiore livello di inclusione. È il caso dell’Olanda, dove nelle elezioni del 2010 il 13% degli eletti era naturalizzato o figlio di stranieri. Nel Regno Unito, nello stesso anno, l’11% dei seggi alla Camera dei Comuni è andata a cittadini di origine immigrata. Nel mezzo si piazzano Francia, Belgio e Germania, la cui percentuale di deputati con sangue straniero varia dal 3% al 7%. I dati provengono da un progetto cui lavorano alcune università europee che studiano il grado di inserimento degli immigrati attraverso a loro rappresentazione nei parlamenti nazionali.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In questi paesi UE gli immigrati hanno due passaporti

    Prima di addentrarci nel dettaglio su come è regolata la concessione della cittadinanza nel Vecchio Continente, è necessario premettere quanto segue. PREMESSA Per doppia cittadinanza si intende la possibilità legale concessa agli immigrati di diventare cittadini del Paese ospitante, senza perdere la cittadinanza dello Stato di origine. In Europa, contrariamente a quanto si Leggi tutto.

  • In Italia l’immigrazione è cambiata così

    Spesso i numeri sono aridi e noiosi, ma quelli sull’immigrazione fanno sempre eccezione. Come dimostrano le ultime rilevazioni Istat sulla popolazione straniera in Italia nel 2016. Da cui emergono tre fondamentali novità che hanno lasciato molti a bocca aperta. 1) Aumenta il numero degli immigrati che ottengono la cittadinanza italiana. Sono Leggi tutto.

  • Sulla cittadinanza agli immigrati stiamo meglio del resto d’Europa

    C’è un dato, da molti dimenticato in Italia, forse utile a fare chiarezza sull’infuocata discussione sullo ius soli. Il nostro è, secondo Eurostat, il paese europeo che concede annualmente il più alto numero di cittadinanze agli immigrati. Tant’è che nel 2015, ultime statistiche disponibili, sono stati 178 mila quelli che Leggi tutto.

  • Adesso anche i milionari fanno gli immigrati

    Che il numero degli immigrati sia in relativa crescita è cosa nota. Ma, almeno fino a ieri, non sapevamo che il loro aumento riguardasse anche i “paperoni” di mezzo mondo. Una novità analizzata e descritta nel recente, brillante saggio ”Millionaire Emigration” del Migration Policy Institute di Washington. Secondo cui nel Leggi tutto.

  • Come i figli degli immigrati acquisiscono la cittadinanza

    Italia: Le legge n.91 del 5 febbraio 1992 modificando, in parte, la disciplina sulle modalità di concessione della cittadinanza in vigore dal 1912, ha confermato che i figli degli immigrati che nascono nel nostro paese non acquisiscono automaticamente lo status civitatis. Ma solo se lo richiedono tra il diciottesimo e Leggi tutto.

  • Cinque curiosità sugli immigrati regolari in USA

    Negli Stati Uniti, su 44,7 milioni di immigrati, ben 33,8 sono regolari. A rivelare la cifra, il Pew Research Center, che ha evidenziato cinque fatti su questo segmento di stranieri in occasione della maxi riforma sull’immigrazione cui il Presidente Trump ha dato il via nelle ultime ore. 1) Ogni anno, un Leggi tutto.