Giornaliste della BBC in rivolta per la parità salariale

di Ivano Abbadessa - 24.07.2017
Giornaliste della BBC in rivolta per la parità salariale
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

42 giornaliste della BBC hanno scritto una lettera aperta al direttore generale dell'emittente, Tony Hall, per chiedere il riconoscimento della parità salariale con i loro colleghi maschi. La polemica sui più bassi stipendi percepiti dalle donne segue la pubblicazione di un documento dalla BBC dal quale si scopre che tra i 96 dipendenti che guadagnano più dello stipendio della premier Theresa May, pari a 150mila sterline (quasi €170 mila) all’anno, ci sono pochissime donne. La più pagata, Claudia Winkelmann, non arriva a guadagnare 500mila sterline all'anno, mentre l'uomo più ricco, Chris Evans, ne percepisce quasi 2 milioni. Da qui l'iniziativa di giornaliste e presentatrici a prendere carta e penna per chiedere da subito la parità salariale.

Pubblicato in Questioni di genere.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In azienda oltre la maternità va gestita la menopausa

    Gli ambienti di lavoro dovrebbero essere più accoglienti per le impiegate in menopausa. A dirlo è il Governo inglese che, avvalendosi dei migliori ricercatori dell’Università di Leicester, ha appena pubblicato un vero e proprio decalogo per manager e datori di lavoro. Ecco alcuni suggerimenti: 1) predisporre aree di riposo per permettere alle donne Leggi tutto.

  • Pornodipendenti da giovani, sessisti da adulti

    Tra i ragazzi che guardano molti film hard è più alta la probabilità di diventare da grandi accaniti sessisti. È questo il succo di un recente studio dell’Università del Nebraska presentato alla più grande convention mondiale sulla psicologia in corso a Washington. Dall’analisi condotta su un campione di adolescenti e adulti Leggi tutto.

  • Così le donne abusano sessualmente degli uomini

    Se ne parla poco, ma alcuni uomini sono vittime di violenza sessuale da parte delle donne . E le modalità di coercizione sono diverse. A sottolineare quest’aspetto poco esplorato degli abusi sessuali, uno studio dell’Università di Lancaster. Che elenca i tre espedienti che le donne usano maggiormente per costringere un uomo a Leggi tutto.

  • Una visionaria le voleva liberare dalla schiavitù domestica

    Frances Gabe, la geniale inventrice della casa che si puliva da sola, se ne è da poco andata a 101 anni dimenticata e in silenzio. Mezzo secolo fa, dopo anni di tranquillo tran-tran  casalingo,  Mrs. Gabe, sbattuto il marito fuori di casa e con 2 figli sulle spalle, capì che la Leggi tutto.

  • Anche la sessualità femminile non ha età

    Per le donne il sesso è importante anche dopo i 50 anni. Parola dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che hanno dato ragione a una portoghese a cui un intervento chirugico aveva pregiudicato l’attività sessuale. Questi i fatti. La signora Maria Morais subì un’operazione nel 1995, all’età di Leggi tutto.

  • La TV inglese mette al bando le pubblicità sessiste

    Il Regno Unito dice basta alle pubblicità sessiste. Ovvero le rappresentazioni come quelle di bambine che vogliono fare le ballerine o maschietti che aspirano ad essere, ad esempio, scienziati o medici saranno bandite dagli annunci d'Oltremanica. L'Autorità per la Pubblicità (ASA) ha pubblicato una relazione sul potenziale danno per minori Leggi tutto.