Festeggiamo la terza età!

di Annalisa Lista - 01.10.2013
Festeggiamo la terza età!
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Si celebra oggi la giornata internazionale degli anziani. Quest’anno l’evento, organizzato dall’ONU, s’intitola “Il futuro che vogliamo: quello che dicono le persone anziane”, tema scelto per puntare l’attenzione sugli sforzi della terza età, delle diverse organizzazioni e degli Stati Membri dell’ONU per fare in modo che l’invecchiamento diventi uno dei temi principali della politica dei singoli paesi. L’invecchiamento della popolazione rappresenta una delle più grandi e difficili sfide di tutti i tempi . Stando ai dati, entro il 2050, il numero di persone in età senile supererà quello dei bambini nei paesi sviluppati, mentre raddoppierà nelle realtà in via di sviluppo. Tuttavia, nonostante la difficoltà degli stati nell’affrontare le conseguenze derivanti dall’avanzare dell’età, specialmente quelle legate alla disponibilità di servizi sanitari adeguati, la  popolazione anziana rappresenta una delle risorse sociali più preziose che abbiamo. In termini di esperienza di vita, aiuto concreto in famiglia nella vita quotidiana e solidità dei valori su cui si regge ogni singola collettività. In occasione della Giornata Internazionale, dunque, il Segretario Generale delle Nazioni Unite invita paesi e capi di stato a impegnarsi seriamente e continuativamente per rimuovere le barriere che impediscono la piena inclusione e partecipazione degli anziani nella vita sociale, proteggendo e difendendo a spada tratta i loro diritti.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Cosa spinge al suicidio gli anziani in ospizio

    Venire ricoverati in una casa protetta può spingere gli anziani al suicidio. Una mancanza di stimolazione mentale spesso provoca, infatti, apatia che può portare a togliersi la vita. L'associazione inglese Age UK, a questo proposito, sostiene che alcune residenze per anziani non forniscono attività coinvolgenti, lasciando i pensionati fragili "isolati Leggi tutto.

  • Una cintura che migliora la vita ai malati di Parkinson

    Una cintura che aiuta i malati di Parkinson a migliorare l’equilibrio. Si tratta dell’ultima invenzione dell’Università di Houston. I cui ricercatori hanno messo a punto una fascia dotata di sensori collegati via bluetooth a uno smartphone, dal quale l’utente riceve i comandi per svolgere esercizi appositi per il suo caso Leggi tutto.

  • Qui pizze gratis per anziani soli

    Margherite e Napoletane per tutti. A Bagno a Ripoli, provincia di Firenze, l’amministrazione comunale e la Croce Rossa hanno pensato di mettere su un progetto per consegnare pizze (gratuitamente) agli anziani seguiti dai servizi sociali. Tutto è nato a inizio luglio, con l’obiettivo di assistere le persone più avanti con Leggi tutto.

  • Aprono le porte degli ospizi a Rigoletto e Turandot

    Migliorare la vita dei residenti delle case di riposo attraverso l'opera. È questo l'obiettivo portato avanti in Inghilterra dal progetto Six Characters in Search of an Opera. Un'iniziativa che ha portato all'interno di decine di centri di cura e ospizi d'Oltremanica Rigoletto, Turandot e tanti altri brani suonati e cantati Leggi tutto.

  • L’ospizio della love story lesbica

    La storia tra due anziane lesbiche di origini ispaniche che si innamorano mentre vivono in una casa di riposo americana. È questo il filo conduttore di “Amigas With Benefits”, il cortometraggio scritto e diretto da Adelina Anthony, premiato nell’ambito del PBS Online Film Festival. La pellicola racconta la lotta di queste instancabili donne per coronare Leggi tutto.

  • Meglio non finire in una casa di riposo inglese

    Medicinali scaduti negli armadietti, personale insufficiente e incompetente, maltrattamenti a oltranza. Sono queste le condizioni in cui versa un terzo delle case di riposo in Inghilterra. L’allarme viene dal Care Quality Commission, l’ente che effettua il controllo di qualità delle residenze sanitarie. Dalle indagini compiute su più di 24.000 ospizi Leggi tutto.