Ecco tutti i viaggi che hai mandato in fumo

di Roberta Lunghini - 31.05.2016
Ecco tutti i viaggi che hai mandato in fumo
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Risparmiare i soldi delle sigarette per potersi concedere un viaggio è un buon motivo per smettere di fumare. La pensa così il motore di ricerca voli, hotel e autonoleggio Skyscanner.it che, in collaborazione con la LIAF (Lega italiana Anti Fumo), ha realizzato un’indagine che mostra quali Paesi si possono visitare in base ai mesi di rinuncia al vizio. Chi sogna l’Australia, ad esempio, deve resistere almeno 13 mesi senza accendere neanche una bionda. I prezzi riportati nella mappa interattiva si basano sul costo medio di un volo a/r dall'Italia per una persona, nel periodo luglio-settembre 2015. Mentre, il calcolo del risparmio fa riferimento al costo di un pacchetto di Marlboro (€ 5,4), secondo i dati dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli aggiornati al 16 maggio 2016, moltiplicato per 19,5 al mese (considerato che gli italiani fumano in media 13,1 sigarette al giorno).

Pubblicato in Tabagismo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Fatti i conti i fumatori sono una manna per lo Stato

    I fumatori sono una vera e propria gallina dalle uova d’oro per lo Stato. Almeno in Inghilterra. Dove, dati alla mano, è vero che costano molto in termini di servizi e prestazioni socio-sanitarie (€5,4 mld) ma versano, grazie all’accise sulle sigarette, qualcosa come €11 mld. A ciò va aggiunto che, Leggi tutto.

  • L’idea inglese per abbattere il consumo di sigarette

    Londra ha annunciato un piano per ridurre la percentuale di fumatori dal 15,5% a non più del 12% entro il 2022. Il provvedimento del governo May mira anche a una riduzione del numero di teenager e donne in gravidanza che fuma regolarmente. La misura, inoltre, tenta di ridurre il divario Leggi tutto.

  • Nasce la prima spiaggia italiana dove è vietato fumare

    Quella di Bibione (Venezia) sarà la prima spiaggia italiana completamente smoke free. Dopo un primo divieto sul bagnasciuga imposto un paio d’anni fa, ora l’amministrazione comunale in accordo con gli operatori turistici è pronta a fare il salto definitivo e, a partire dal 2018, estendere la restrizione a tutta l’area. Leggi tutto.

  • In Gran Bretagna il fumo seduce sempre meno giovani

    Nel 2016, il 15,8% dei britannici fumava, una percentuale in calo rispetto al 17,2% dell'anno predente. Un fenomeno particolarmente interessante e incoraggiante se si tiene presente che questo ripido calo è stato maggiore nei giovani tra 18 e 24 anni. Se nel 2010, infatti, il 26% di coloro che rientravano Leggi tutto.

  • L’orsetto Ector fa la spia se papà accende una sigaretta

    Ector è il primo peluche al mondo che difende i bimbi dal fumo passivo. Ogni volta che ne avverte la presenza, infatti, questo orsetto inizia a tossire incessantemente. Con l’obiettivo di attirare l’attenzione dei genitori sui danni che consumando sigarette arrecano alla salute dei figli. Il progetto, lanciato in occasione della Giornata Leggi tutto.

  • Attenzione alle e-cig: danneggiano persino il DNA

    Le e-cig provocano danni al DNA delle cellule del sangue. Si tratta di alterazioni che possono concorrere allo sviluppo del cancro. È questa la più allarmante scoperta di un’indagine tossicologica guidata dal Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell’Università di Bologna, recentemente pubblicata sulla rivista scientifica Nature. Gli studiosi mettono in Leggi tutto.