Dopo il trapianto di mani il piccolo Zion torna a giocare

di Annalisa Lista - 20.07.2017
Dopo il trapianto di mani il piccolo Zion torna a giocare
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

A due anni dal doppio trapianto di mani, il piccolo Zion Harvey, dieci anni di età, può finalmente scrivere e maneggiare la mazza da baseball, il suo sport preferito. Il difficilissimo intervento risale a giugno 2015, quando un’équipe di ben 40 specialisti fu impegnata a riattaccare vene, terminazioni nervose, tendini, pelle per 11 ore presso il Children’s Hospital di Filadelfia. Vittima di una terribile infezione, Zion, a soli due anni, perse mani e piedi. Col tempo, gli furono impiantate due protesi agli arti inferiori per permettergli di camminare. Dopodiché, per restituirgli le mani e consentirgli di svolgere una vita normale come tutti gli altri bimbi, fu deciso di sottoporlo alla delicatissima operazione. Oggi può vestirsi, lavarsi i denti, mangiare da solo. Zion rappresenta uno dei rari casi al mondo di interventi di questo tipo perfettamente riusciti.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Addio a Chantek, l’orango che conosceva la lingua dei segni

    All’età di 39 anni è morto Chantek, l'orangotango che sapeva comunicare con la lingua dei segni (ASL). Fu uno dei primi primati a imparare questo linguaggio assieme a Koko la gorilla e Washoe lo scimpanzé. Chantek ha spesso utilizzato l’ASL per parlare con i suoi assistenti, con i quali ha Leggi tutto.

  • Quanti personaggi disabili ci sono a Hollywood

    Una nuova analisi condotta su centinaia di film ha scoperto che ad Hollywood le persone disabili sono ancora sottorappresentate. Secondo lo studio della scuola di Comunicazione e Giornalismo Annenberg, i personaggi disabili rappresentavano solo il 2,7% dei ruoli parlanti nei migliori film di Hollywood dello scorso anno, un dato che Leggi tutto.

  • L’emozionante Inno di Mameli delle pallavoliste sorde

    Hanno commosso ed emozionato tutti con la loro interpretazione in Lis dell’Inno di Mameli. Si tratta delle pallavoliste azzurre che si sono aggiudicate la medaglia d’argento alle ultime Olimpiadi dei sordi (Deaflympics 2017) di Samsun (Turchia). L’oro purtroppo non è arrivato perché le avversarie del Giappone si sono imposte per 3 Leggi tutto.

  • La disabilità negli Stati Uniti in 5 punti

    Il 12,6% della popolazione americana ha una forma di disabilità. Circa 40 milioni. I numeri sono stati diffusi dal Pew Research Center, che ha sottolineato cinque curiosità su questo segmento sociale. 1) È soprattutto la fascia d’età 35-64 anni la più colpita da un handicap. 2) La forma di disabilità più comune Leggi tutto.

  • Online l’informazione totale dei sordi per i sordi italiani

    Nasce in Italia la città dei sordi. Un sito web d’informazioni specifico per non udenti. È questa l’ultima iniziativa che l’Ente Nazionale Sordi ha appena messo a disposizione online. Un enorme contenitore web di risorse e documenti suddiviso in cinque “edifici”, all’interno dei quali è possibile consultare fotografie, articoli di giornale, risorse multimediali, Leggi tutto.

  • Un film per raccontare la sordità dei piccoli

    Quando scoprono che due dei loro tre figli sono sordi, Alberto e Luisa vanno in crisi. Si scontrano, si accusano perché la disabilità di Giulia e Carlotta li ha disorientati. Solo grazie agli incontri con specialisti del settore e lunghe riflessioni sul da farsi, la famiglia riesce a superare i Leggi tutto.