Per i disabili c’è poco da festeggiare

di Ivano Abbadessa - 25.02.2013
Per i disabili c’è poco da festeggiare
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

In Italia, tra i nuovi deputati e senatori, i disabili si contano sulle punta delle dita di una mano. Non certo una novità. Semmai una costante della storia politica del nostro paese. Se può confortarci, però, non siamo gli unici a detenere questo poco invidiabile primato. Caso esemplificativo quello inglese.

Nel Regno Unito, infatti, nonostante una persona su sei presenti una disabilità, solo una manciata di loro è parlamentare.  A dispetto del successo che hanno avuto Oltremanica politici del calibro di Jack Ashley e David Blunkett, la rappresentanza delle persone con disabilità, in realtà, non è notevolmente migliorata negli ultimi anni. Forse è troppo aspettarsi che almeno 1/6 dei parlamentari abbia una disabilità, ma i sudditi di Sua Maestà si chiedono se non fosse positivo che la Camera dei Comuni assomigli un po’ di più alla società che governa. In questo modo, molte delle petizioni delle organizzazioni disabili potrebbero trovare un trattamento diverso e avere più voce in capitolo.

Il governo britannico è consapevole del problema e lo scorso anno ha dato vita ad un programma che stanzia borse di studio rivolte a persone disabili con aspirazioni politiche. Il fondo, chiamato Access to Elected Office for Disabled People, dispone di 2,6 milioni di sterline e le persone interessate possono richiedere fino a 20mila sterline di contributo. Londra dice che si tratta di livellare il “campo da gioco” per le persone disabili, piuttosto che dare loro un vantaggio sleale. Il denaro, infatti, può essere utilizzato per pagare, ad esempio, i costi di trasporto in più che può avere una persona con difficoltà di deambulazione, o fornire interpreti del linguaggio dei segni per aspiranti parlamentari non udenti. Tuttavia, fino a febbraio 2013 sono stati erogati appena 34mila sterline ai sei candidati che hanno presentato domanda, altre sei richieste sono sotto considerazione in questo momento. Se questo ritmo continuerà, e ci si augura di no, solo una frazione del fondo sarà spesa entro l’estate 2014, momento in cui terminerà il programma governativo.

Nel Regno Unito non mancano altre iniziative per sostenere l'accesso dei disabili nell'arena politica. In questo senso, il gruppo Disability Politics UK, propone l’approvazione di una legge che permetta al parlamentare eletto il cosiddetto “job share”. Secondo l’associazione, che ha realizzato una campagna di sensibilizzazione ad hoc, la condivisione del lavoro permetterebbe a un maggior numero di persone con disabilità di entrare in parlamento.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Sono i disabili ma non la coca a fare notizia in Colombia

    Inaugurato a Bogotà il primo bar per sordi della Colombia. Si chiama Sin palabras Café sordo ed è stato fondato da tre amiche sensibili alle esigenze di chi, a differenza loro, non è udente. Gli impiegati sono esclusivamente ragazze e ragazzi con seri problemi di udito. Il menù è scritto adottando un alfabeto Leggi tutto.

  • Con la Sindrome di Down è il boss delle marmellate

    Il re delle salse e confetture spalmabili in America è un ragazzo con la Sindrome di Down. Si chiama Nolan Stilwell ed è il fondatore di un brand, Heat Sweet, che da qualche anno sta spopolando in America. Si tratta di sughi e marmellate a base di peperoncino e frutti, Leggi tutto.

  • Un medico in carrozzina ai piedi del letto dà coraggio al paziente

    Il 20% degli americani è disabile ma solo il 2% fa il medico. A scoraggiare migliaia di giovani diversamente abili a indossare il camice bianco sono in primis le Università.  Che in aperta violazione dell’Americans with Disabilities Act non si preoccupano di assisterli né prima né dopo i test di Leggi tutto.

  • Il peschereccio gestito solo da disabili

    C’è un peschereccio tutto speciale a Livorno. Si chiama Ca’ Moro, ed è ormeggiato al porto vecchio della città. All’interno ospita un ristorante, gestito dalla Cooperativa Sociale Parco del Mulino, nel quale lavorano stabilmente persone con disabilità. “Un simbolo per Livorno, da sempre città aperta e solidale”, commentano i gestori. Leggi tutto.

  • Come utilizzare i veicoli in modo sicuro sul lavoro

    Gli incidenti da veicoli rappresentano il 29% di tutti i sinistri mortali sul lavoro in Europa. Per questo la Commissione UE ha creato VeSafe, una guida elettronica con informazioni sui rischi correlati all’uso dei veicoli nello svolgimento dell’attività professionale. Vi si trovano molti esempi di buona pratica nonché una panoramica Leggi tutto.

  • Certificato dall’Inail il tumore da smartphone

    In Italia, chi si ammala di tumore alla testa per aver usato il cellulare al lavoro ha diritto all’indennizzo in rendita per inabilità permanente. Il Tribunale di Firenze, infatti, ha condannato l’INAIL a risarcire l’uomo che si era ammalato dopo aver utilizzato il telefonino per svariate ore al giorno dal Leggi tutto.

Editoriale