Dall’housing sociale al cohousing intergenerazionale

di Annalisa Lista - 01.03.2016
Dall’housing sociale al cohousing intergenerazionale
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Raccontare il cohousing intergenerazionale attraverso un film. Lo ha fatto, in maniera divertente e leggera, il regista francese François Desagnat in Adopte un veuf ("Adotta un vedovo") in uscita nelle sale d’Oltralpe il 20 aprile. La trama è semplice ed efficace. Il vecchio Hubert, vedovo da poco, ha perso la gioia di vivere. E finisce per trascorrere intere giornate nella sua grande casa, da solo, davanti alla TV. Finché, un giorno, per puro caso, si ritrova a ospitare una giovanissima studentessa. Cui si aggiungono, nelle settimane successive, un’infermiera e un avvocato in cerca di alloggio. L’insolita convivenza, pur sconvolgendo i ritmi di vita di tutti, arricchirà le due generazioni. Facendo ritrovare la gioia di vivere a Hubert e offrendo importanti lezioni di vita a Manuela, Marion e Paul. Una commedia che racconta, da un lato, la solitudine degli anziani e, dall’altro, le enormi difficoltà, oggi, per i giovani, di avere una casa tutta per sé.

Pubblicato in Invecchiamento attivo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Ci sono casi in cui conviene ricorrere alla droga

    La ketamina è un valido e sicuro metodo per curare la depressione negli anziani. A dirlo il primo studio al mondo, realizzato dalla University of New South Wales, in cui la sostanza è stata testata su un campione di over 60. Per quanto riguarda questo disturbo, i benefici della ketamina Leggi tutto.

  • Con il cane non soffrono di solitudine e si tengono in forma

    Ogni anziano dovrebbe avere un cane con cui fare camminate all'aperto. Un team di ricercatori delle Università di Cambridge e East Anglia hanno scoperto che possedere un amico a quattro zampe è uno dei modi più efficaci per mantenersi attivi, con conseguenti benefici per l'umore e la salute. Gli studiosi Leggi tutto.

  • Il colosso del porno online mette in riga i vecchietti indisciplinati

    L’amore non ha età, ma neanche le malattie sessualmente trasmissibili. È per questo che Pornohub, colosso mondiale dell’hard online, ha appena lanciato “Old School“, campagna di sensibilizzazione sulle patologie veneree rivolta agli over-65. Che complice il miglioramento e l’allungamento dell’aspettativa di vita, dopo la pensione non tirano più i remi Leggi tutto.

  • Perché non curano le over-70 con il cancro al seno

    Pazienti di serie B. È così che vengono trattate la maggioranza delle over-70 inglesi affette da cancro al seno. Pur rappresentando oltre 1/3 delle pazienti affette da questa patologia, a loro, in violazione delle linea guida del Sistema Sanitario Nazionale, è, spesso, negata sia la chemioterapia che la mastectomia. A denunciarlo Leggi tutto.

  • Si sono rovesciati i tempi della sedentarietà giovani-pensionati

    Dimentichiamo l’immagine del 30-40enne rampante che esce dall’ufficio e si precipita in palestra.  I giovani impiegati di oggi sono più sedentari di un anziano in pensione. Rispetto agli over-70 ogni giorno stanno seduti in media 30 minuti in più. A dirlo è uno studio dell’Università di Edimburgo che ha messo sotto la Leggi tutto.

  • Scoperto come rallentare l’invecchiamento dell’occhio

    Un nuovissimo trattamento ha permesso per la prima volta di ridurre in modo significativo la progressione della degenerazione maculare. Si tratta della principale causa di cecità dopo i 60 anni e colpisce circa cinque milioni di persone in tutto il mondo. Secondo i risultati di uno studio clinico pubblicato sulla Leggi tutto.