Contro i danni della chemio l’henné sostituisce le parrucche

di Beatrice Credi - 15.01.2016
Contro i danni della chemio l’henné sostituisce le parrucche
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Un'artista che lavora con l'henné realizza bellissimi tatuaggi sulla testa delle donne che soffrono di perdita di capelli a causa della chemioterapia o dell'alopecia, e lo fa gratuitamente. Hollie Urbauer ha 39 anni e ha iniziato questa attività quattro anni fa dopo che la madre ha scoperto di avere un tumore. Dipinge intricati disegni - o corone - al fine di dare a queste donne una forte iniezione di autostima quando si guardano allo specchio. Recentemente, ha decorato il cuoio capelluto di Ava Gagner, 16 anni, affetta da alopecia. La compagnia di assicurazione di Ava non copre i costi di una parrucca, né di alcuni altri trattamenti che potrebbero aiutarla a farle ricrescere i capelli. Così la sua mamma, Amy, si è rivolta a Hallie per un tatuaggio. Le foto ora appaiono sulla pagina GoFundMe della ragazzina, che mira a raccogliere fondi per una parrucca personalizzata e cure non finanziate dall'assicurazione.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Gli italiani pensano che i tumori sono incurabili

    In Italia, aumenta la sopravvivenza al cancro. Ben 6 pazienti su 10, infatti, riescono a sconfiggerlo. Tuttavia, addirittura il 46% dei cittadini considera ancora il tumore una patologia incurabile. Così in realtà non è, anche se colpisce oltre 365mila persone l’anno nel Paese: circa 1.000 nuovi casi al giorno. Sono Leggi tutto.

  • Rischio cancro al colon-retto per adolescenti obesi

    Gli adolescenti con problemi d’obesità rischiano più degli altri, da adulti, il cancro al colon e al retto. A lanciare l’allarme, un maxi- studio del Rabin Medical Center e dell’Università di Tel Aviv. Gli autori hanno analizzato lo stato di salute di più di due milioni di ragazzi tra i Leggi tutto.

  • Perché non curano le over-70 con il cancro al seno

    Pazienti di serie B. È così che vengono trattate la maggioranza delle over-70 inglesi affette da cancro al seno. Pur rappresentando oltre 1/3 delle pazienti affette da questa patologia, a loro, in violazione delle linea guida del Sistema Sanitario Nazionale, è, spesso, negata sia la chemioterapia che la mastectomia. A denunciarlo Leggi tutto.

  • Nel Regno Unito si sopravvive meno al tumore

    Anche Romania, Lettonia e Grecia superano l'Inghilterra quando si tratta di diagnosticare e curare il cancro. Secondo una recente ricerca, a eccezione del melanoma, i tassi di sopravvivenza dopo cinque anni per i pazienti adulti diagnosticati con altri nove tipi di cancro tra il 2000 e il 2007 erano inferiori Leggi tutto.

  • In Inghilterra il cancro è più comune del matrimonio

    Il cancro è diventato un aspetto della vita più comune del matrimonio. È quanto sta accadendo in Inghilterra, come riporta il Macmillan Cancer Support nel suo ultimo studio. In cui i numeri parlano chiaro: 361.216 nuove diagnosi di cancro nel 2015 rispetto a 289.841 unioni felici. Quattro le neoplasie che colpiscono di Leggi tutto.

  • Con questo tatuaggio non si vergognano della mastectomia

    Il tatuaggio lei lo vede come una terapia. La francese Alexia Cassar, infatti, è pioniera in Europa nella ‘ricostruzione’ dei capezzoli delle donne che, a seguito di un tumore al seno e di una mastectomia non ce l’hanno più. Grazie a una speciale tecnica di disegno 3D importata dagli Stati Uniti e Leggi tutto.