Con Google Classroom i compiti a casa si fanno online

di Annalisa Lista - 09.05.2014
Con Google Classroom i compiti a casa si fanno online
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Insegnare e studiare diventa più semplice grazie all’aula virtuale di Google Classroom. Una piattaforma interattiva che permette ai docenti di organizzare i compiti per casa in maniera veloce, condividendo successivamente i file con gli alunni attraverso i servizi  Gmail, Docs e Drive. Completi di chat e canali telefonici che sfruttano la connessione internet. Grazie al nuovo dispositivo, gli insegnanti eviteranno montagne di carta da correggere, spesso di difficile interpretazione per via di grafie indecifrabili, mentre gli allievi potranno fornire risposte più rapide ai quesiti e interagire con compagni e docenti direttamente da casa. Completamente gratuito, il nuovo servizio di Google Apps for Education consente di creare un archivio sempre consultabile di tutti i materiali scolastici, di postare commenti per chiedere aiuto ai compagni di classe o per aggiornare i progetti in corso. Uno strumento per sfruttare in maniera intelligente i moderni mezzi tecnologici, risparmiare tempo, mantenere la classe organizzata anche al di fuori dell’orario scolastico e migliorare la comunicazione. Attualmente in via di sperimentazione in alcune scuole e università, Google Classroom può essere utilizzato richiedendo un “invito” direttamente al colosso di Mountain View.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Sui NEET l’Italia non cambia

    In Italia, quasi un giovane su cinque tra i 15 e i 24 anni, non ha un lavoro, non lo cerca, né è impegnato in un percorso di studi o di formazione. Si tratta dei cosiddetti Neet e il nostro Paese si riconferma avere uno dei tassi più alti dell’Unione Leggi tutto.

  • L’ANFFAS mette le scuole sotto osservazione

    Una campagna di monitoraggio su tutto il territorio italiano per sorvegliare la reale inclusione dei disabili a scuola. Avviata dall’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), si pone l’obiettivo di far venire alla luce tutte le eventuali disfunzioni che verranno riscontrate a partire dal prossimo anno Leggi tutto.

  • Qui le scuole elementari cambiano per i bambini trans

    Aumentano le scuole spagnole che promuovono programmi ad hoc per l’inclusione degli studenti transgender. Tanto che è stato addirittura creato un “certificato di riconoscimento” per quegli istituti che impartiscono corsi di formazione a docenti, studenti e famiglie volti a superare discriminazioni e pregiudizi nei confronti di chi non si identifica Leggi tutto.

  • Se non sono i genitori è la legge a vietare loro la chirurgia estetica

    Vietare agli under-18 gli interventi di chirurgia estetica. Il severo monito arriva dal Consiglio di bioetica inglese allarmato dal boom di operazioni, per futili motivi, persino su minori di appena 8 anni. Una moda causata da almeno tre fattori. Il primo, i videogiochi e le app come Plastic Surgery Princess che, Leggi tutto.

  • La “primina” per i figli non è sempre una buona idea

    Mandare i bambini in primina non è sempre una buona idea. Perché può metterli a rischio stress e depressione negli anni a venire. A dirlo, uno studio dell’Università di Exeter, che ha indagato sulle conseguenze delle iscrizioni premature dei piccoli alla scuola elementare. Dalle analisi e le testimonianze rilasciate da Leggi tutto.

  • La didattica neutra ultima frontiera negli asili svedesi

    Sono poco conosciuti ma hanno già portato i risultati sperati. Parliamo dei cosiddetti asili di genere neutro che la Svezia ha sperimentato per educare le nuove generazioni a rifiutare ogni forma di stereotipo di genere. Secondo un recente studio, i bambini che li hanno frequentati hanno, rispetto alla media, mostrano Leggi tutto.