Stop alla chirurgia estetica sui disabili

di Ivano Abbadessa - 03.09.2012
Stop alla chirurgia estetica sui disabili
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Ricorrere alla chirurgia per soli fini estetici sui bambini disabili, in particolare Down, è eticamente giustificabile? In Italia, secondo il Comitato Nazionale di Bioetica (CNB), presieduto dal Prof. Francesco Paolo Casavola, la risposta è no. Il parere espresso nelle scorse settimane segue anni di dibattiti innescati da due casi, avvenuti in Gran Bretagna, di bambine con sindrome di Down che i genitori avrebbero voluto sottoporre ad intervento chirurgico per “cancellare” i tratti della disabilità.

Le sedici pagine che compongono il parere espresso dal CNB sono articolate in due parti che affrontano sia sotto l’aspetto della legittimità sia sotto il profilo della bioetica la chirurgia plastica e ricostruttiva. In particolare, si ritiene che non sia comunque da considerarsi lecita “la chirurgia estetica su bambini o adulti incapaci con sindrome di Down, finalizzata alla conformazione a canoni sociali di ‘normalità’. Soprattutto specie se presenta un carattere invasivo e doloroso, considerato anche che con questi interventi difficilmente si realizza un beneficio per la persona con sindrome di Down. Senza contare che è frequente la possibilità di accentuare, anziché diminuire, il suo disagio personale”.

Un contributo, quello del massimo organo italiano in tema di bioetica, che certamente serve a fare chiarezza su una questione delicatissima riguardante interventi invasivi dolorosi su esseri umani. Il parere è stato accolto con favore dalle stesse associazioni per persone Down che si sono dette assolutamente contrarie a questo tipo di interventi. Che considerano non avere alcun tipo di giustificazione, a meno che non vi siano motivazioni di tipo medico-sanitario.

Al di là di qualsiasi moralismo, fa di certo riflettere la scelta di alcuni genitori di sotttoporre il proprio figlio Down ad un intervento doloroso solo ed sclusivamente per renderlo “meno” diverso dai canoni estetici che la società impone. Non esiste alcuna prova scientifica, infatti, che un'operazione di chirurgia estetica migliori l'accettazione che la persona o il bambino Down ha di sé, ma, al contrario, il mutamento d'aspetto è spesso controproducente per lo sviluppo della propria identità.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Romania i disabili hanno una spiaggia solo per loro

    La città costiera di Constanza, in Romania, diventerà la prima in Europa a ospitare una spiaggia organizzata solo per disabili. Il parco terapeutico, costruito su una superficie di 22.000 mq, sarà dotato di rampe di accesso, aree attrezzate dove prendere il sole, un giardino sensoriale rilassante, un percorso di stimolazione visiva Leggi tutto.

  • Sono i disabili ma non la coca a fare notizia in Colombia

    Inaugurato a Bogotà il primo bar per sordi della Colombia. Si chiama Sin palabras Café sordo ed è stato fondato da tre amiche sensibili alle esigenze di chi, a differenza loro, non è udente. Gli impiegati sono esclusivamente ragazze e ragazzi con seri problemi di udito. Il menù è scritto adottando un alfabeto Leggi tutto.

  • Quanti non vedenti ci sono nel mondo

    36 milioni di persone con deficit visivi in tutto il mondo. Questa è la cifra aggiornata al 2015 secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista The Lancet. A livello mondiale i tassi di moderata e grave disabilità visiva si sono notevolmente ridotti, grazie al miglioramento delle condizioni di vita, a Leggi tutto.

  • Cresce il mercato mondiale del Braille

    Il mercato mondiale della stampa tattile è in continua espansione. Secondo un recente studio a cura di Credence Research, entro il 2025, potrebbe aumentare ancora del 4,5%. Si tratta di un settore il cui valore, nel 2016, è stato stimato pari a $1.250 milioni. A dominare è il Nord America, Leggi tutto.

  • Così funziona il bike sharing per disabili

    È Portland la prima città americana ad essersi dotata di un servizio di bike sharing per disabili. Si chiama “Adaptive Biketown”. Sponsorizzato da Nike è un programma che permette di affittare e utilizzare biciclette speciali a meno di $5 l'ora. Ogni mezzo è adattato alle necessità di questi abbonati speciali: Leggi tutto.

  • Lo sport rallenta la sclerosi multipla

    Gli esercizi che allenano la resistenza rallentano la progressione della sclerosi multipla e hanno persino dei benefici sul decadimento cerebrale. Uno studio pubblicato sul Journal of Multiple Sclerosis mostra, per la prima volta, che l'attività fisica può fermare la progressione della malattia neurologica. I pazienti affetti da sclerosi multipla vengono Leggi tutto.