C’è un’altra via per giungere allo ius soli

di Guido Bolaffi - 13.09.2017
C’è un’altra via per giungere allo ius soli
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

In politica come nella vita può accadere, talvolta, che non tutti i mali vengano per nuocere. A patto, però, di avere la volontà e l’intelligenza per ribaltare la necessità in virtù. Come nel caso del tristissimo rinvio alle calende greche deciso ieri dal Senato del provvedimento (già votato dalla Camera) sul cosiddetto ius soli. Che, all’opposto di quanto da noi avviene, avrebbe consentito, allineando la normativa italiana a quelle in vigore in tutte le altre nazioni europee, la concessione automatica della cittadinanza ai figli degli immigrati regolari (regolari!!) nati o arrivati in tenerissima età nel nostro Paese.

Un rinvio doloroso che, al di là delle parole portate a sua giustificazione, è figlio di una cultura politica con l’orologio fermo. E che anziché pensare all’Italia che sarà preferisce o spera di poter lucrare qualche voto in più su quella che non c’è più. Una debolezza che, però, con un po’ di furbizia i sostenitori dello ius soli potrebbero usare per vincere la guerra dopo aver perduto una battaglia. Come? Prendendo per buone le argomentazioni dei loro avversari. Per i quali, sfruttando le paure degli italiani per l’attuale criticissima situazione alle nostre frontiere, è un gioco da ragazzi continuare a difendere la vecchia regola della cittadinanza basata sullo ius sanguinis contro i rischi di invasione insiti in quella del suolo. Insomma, come ai tempi in cui dall’Italia si partiva e non si arrivava, per loro è italiano solo chi è già figlio di italiani ma non chi nasce in Italia. Con il risultato di lasciare “appesi” in un limbo e senza identità centinaia di migliaia di bambini e giovani figli di immigrati che da anni, insieme ai nostri, studiano, giocano, lavorano e vanno allo stadio.

Una situazione alla quale si può porre rimedio, accantonando il braccio di ferro ideologico, sacrosanto ma perdente, e togliere loro, come si dice a Roma, “la sete col prosciutto” con lo ius temporis. Semplicemente riducendo gli anni minimi di presenza legale in Italia che la legge oggi richiede ai loro genitori per ottenere la nostra cittadinanza (ad es. da 10 a 4, così come per gli stranieri comunitari), eliminando, parallelamente, ogni forma di possibile, arbitraria discrezionalità burocratica nelle relative procedure di concessione. Italiani loro, italiani i figli. Con buona pace dei nemici dello ius soli.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’Italia dell’immigrazione ha bisogno di una nuova leva militare

    Il servizio militare obbligatorio può essere un formidabile strumento di integrazione degli immigrati. A sostenerlo è Ori Swed, sociologo dell’università del Texas, autore, con il collega John Sibley Butler, di uno dei più importanti studi internazionali sulle conseguenze sociali della vecchia, e da molti odiata, leva. Lo abbiamo intervistato. In Europa Leggi tutto.

  • Zuckerberg spaventa Trump e i falchi anti-immigrati

    A complicare la vita di Trump, come se non bastassero i tanti guai che ha, torna, e non è la prima volta, quello dell’immigrazione. Scade oggi infatti l’ultimatum lanciato dai governatori conservatori di molti stati per la cancellazione, promessa e ripromessa in campagna elettorale dall’inquilino della Casa Bianca prima di Leggi tutto.

  • Non c’è un’unica integrazione per tutti gli immigrati

    Adriano Cancellieri è sociologo all’università Iuav di Venezia. Ha appena pubblicato Migranti e Spazio urbano nell’ultimo numero della rivista Il Mulino. D: In un suo ultimo articolo lei sostiene, in estrema sintesi, che parlare di integrazione degli immigrati significa tutto e niente. Ci può spiegare che cosa intende? R: Tutti parlano di Leggi tutto.

  • La seconda generazione è una piaga dell’immigrazione

    Boom di disoccupati tra i figli degli immigrati magrebini in Francia. Rispetto agli autoctoni, le seconde generazioni di nordafricani, a dieci anni dalla Maturità, fanno registrare un tasso di disoccupazione pari al doppio. Una disparità tra i giovani francesi doc e quelli di origine straniera che si rileva anche fra Leggi tutto.

  • Sempre più immigrati di seconda generazione nelle scuole italiane

    Nelle scuole italiane, quasi il 60% degli alunni con cittadinanza straniera è nato nel nostro Paese: poco meno di 479 mila su un totale di circa 815 mila. Il loro numero è in continuo aumento: dal 2011/2012 al 2015/2016 ha registrato un +43,2%, mentre nell’ultimo anno l’incremento è stato del Leggi tutto.

  • 4 caratteristiche degli immigrati di seconda generazione

    Nel 2015, la Francia contava 7,3 milioni di immigrati di seconda generazione. L’11% della popolazione. A svelare i dati, un vasto studio dell’ INSEE, l’Istituto Nazionale di Statistica d’Oltralpe. 4 gli aspetti più rilevanti emersi dal rapporto. 1) La maggior parte è giovanissima. Il 47%, infatti, ha meno di 25 anni, contro Leggi tutto.