Autismo, l’amico animale può aiutare

di Ivano Abbadessa - 14.11.2012
Autismo, l’amico animale può aiutare
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Già da tempo a livello scientifico è stato confermato che gli animali domestici hanno effetti positivi sulla salute generale delle persone. Oggi si scopre che per i bambini con autismo l'arrivo di un “piccolo amico” può portare significativi miglioramenti della loro patologia.

E' quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE. I ricercatori hanno analizzato il comportamento di bambini autistici dai 4 ai 5 anni di età che hanno avuto cani, gatti o animali di piccola taglia come un criceto o un coniglio in casa con un altro gruppo costituito da persone con caratteristiche simili ma che non avevano mai vissuto con un animale. In particolare, è stata data attenzione a chi aveva ricevuto un animale solo dopo il compimento dei cinque anni di età. Mentre nessun cambiamento è stato osservato per chi viveva senza animali domestici, per i ragazzi autistici che avevano visto l'arrivo di un nuovo animale si è registrato un incremento dei sentimenti di condivisione e conforto rivolto verso i propri familiari.

Relativamente ai benefici che possono arrivare dal rapporto uomo-animale, si deve registrare che nel nostro Paese, fatta eccezione per pochi casi, non esiste una netta definizione giuridica per quanto riguarda le procedure e i requisiti minimi necessari per le attività della cosiddetta pet therapy. Spetta alle singole regioni, infatti, legiferare su questa materia. Questo ha portato al formarsi di un panorama eterogeneo di ambienti di lavoro auto gestito e figure professionali che utilizzano metodologie operative spesso molto differenti da una realtà all'altra.

Quello pubblicato su PLOS ONE è il primo studio che mostra la relazione fra l'arrivo di un animale e cambi concreti nei comportamenti sociali. Si aprono nuovi spazi di ricerca circa l'impatto della presenza di un animale domestico in famiglie con bambini autistici. Data la potenziale capacità di questi ultimi nello sviluppare comportamenti pro-sociali, successivi studi sono necessari per comprendere meglio i meccanismi coinvolti nello sviluppo di questa relazione.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Romania i disabili hanno una spiaggia solo per loro

    La città costiera di Constanza, in Romania, diventerà la prima in Europa a ospitare una spiaggia organizzata solo per disabili. Il parco terapeutico, costruito su una superficie di 22.000 mq, sarà dotato di rampe di accesso, aree attrezzate dove prendere il sole, un giardino sensoriale rilassante, un percorso di stimolazione visiva Leggi tutto.

  • Sono i disabili ma non la coca a fare notizia in Colombia

    Inaugurato a Bogotà il primo bar per sordi della Colombia. Si chiama Sin palabras Café sordo ed è stato fondato da tre amiche sensibili alle esigenze di chi, a differenza loro, non è udente. Gli impiegati sono esclusivamente ragazze e ragazzi con seri problemi di udito. Il menù è scritto adottando un alfabeto Leggi tutto.

  • Quanti non vedenti ci sono nel mondo

    36 milioni di persone con deficit visivi in tutto il mondo. Questa è la cifra aggiornata al 2015 secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista The Lancet. A livello mondiale i tassi di moderata e grave disabilità visiva si sono notevolmente ridotti, grazie al miglioramento delle condizioni di vita, a Leggi tutto.

  • Cresce il mercato mondiale del Braille

    Il mercato mondiale della stampa tattile è in continua espansione. Secondo un recente studio a cura di Credence Research, entro il 2025, potrebbe aumentare ancora del 4,5%. Si tratta di un settore il cui valore, nel 2016, è stato stimato pari a $1.250 milioni. A dominare è il Nord America, Leggi tutto.

  • Così funziona il bike sharing per disabili

    È Portland la prima città americana ad essersi dotata di un servizio di bike sharing per disabili. Si chiama “Adaptive Biketown”. Sponsorizzato da Nike è un programma che permette di affittare e utilizzare biciclette speciali a meno di $5 l'ora. Ogni mezzo è adattato alle necessità di questi abbonati speciali: Leggi tutto.

  • Lo sport rallenta la sclerosi multipla

    Gli esercizi che allenano la resistenza rallentano la progressione della sclerosi multipla e hanno persino dei benefici sul decadimento cerebrale. Uno studio pubblicato sul Journal of Multiple Sclerosis mostra, per la prima volta, che l'attività fisica può fermare la progressione della malattia neurologica. I pazienti affetti da sclerosi multipla vengono Leggi tutto.