7 consigli per prendersi cura di un malato d’Alzheimer in estate

di Roberta Lunghini - 13.07.2017
7 consigli per prendersi cura di un malato d’Alzheimer in estate
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

D’estate, prendersi cura di un familiare con l’Alzheimer diventa più difficile. Le alte temperature, il venir meno di una certa quotidianità e minori formalità, infatti, possono creare non pochi problemi, sia al malato che al suo caregiver. Bisogna tenere presente soprattutto che la stanchezza, le vertigini e la spossatezza provocate dal sole in un anziano con demenza, di per sé più fragile, hanno ricadute più gravi e per questo è necessario prendere maggiori precauzioni rispetto agli altri mesi dell’anno. Per aiutare chi si occupa delle persone che soffrono di questo morbo, gli esperti della Rsa lombarda Villaggio Amico hanno deciso di diffondere 7 semplici consigli per una gestione pratica delle problematiche:
1. Dare spesso da bere al malato anche se non lo chiede;
2. Anche qualora l’anziano tenda a prepararsi i pasti da solo, assicurarsi sulla quantità, sulla varietà e sulla conservazione degli alimenti;
3. Prestare attenzione alla dieta dell’anziano e a improvvisi cali di peso;
4. Attenzione alla somministrazione dei farmaci: chiedere al medico gli eventuali effetti collaterali che mal si sposano con le temperature bollenti e se è il caso di modificare la terapia per la stagione estiva;
5. D’estate i casi di scomparsa di un malato di Alzheimer tendono ad aumentare: se non lo si dovesse individuare nel giro di poco tempo, allertare le Forze dell'Ordine con indicazioni precise sulle abitudini della persona;
6. Se l’anziano volesse uscire proprio nelle ore cosiddette “a rischio”, per evitare di innervosirlo, basta mostrare l’orario sull’orologio per programmare l’uscita nelle ore più fresche. Non va dimenticata la protezione di un cappello e di fargli indossare indumenti freschi, evitando i tessuti sintetici che non lasciano traspirare la pelle;
7. Gli effetti negativi del caldo aumentano in presenza di malattie croniche. A rischio, soprattutto, gli anziani che soffrono di patologie che danneggiano i meccanismi cardiaci (ischemie e infarti), che limitano la respirazione, o ancora che interferiscono con l’equilibrio di acqua e sali minerali, come nel caso di insufficienze renali. Prestare attenzione al fatto che la persona con demenza, se è già avanti con la malattia, difficilmente si accorgerà del suo stato di malessere e non sarà in grado di esprimerlo in maniera adeguata.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Ora con i videogiochi rischi anche l’Alzheimer

    I videogiochi d’azione possono, alla lunga danneggiare il cervello. E anche aumentare il rischio Alzheimer. A dirlo, uno studio dell’Università di Montréal, per realizzare il quale è stato chiesto a un vasto campione di volontari di giocare per circa 90 ore, suddivise in diverse sedute, con game più o meno Leggi tutto.

  • Dopo l’anestesia gli over65 rischiano l’Alzheimer

    Gli anziani colpiti da delirium post-operatorio rischiano l'Alzheimer tre volte in più rispetto agli altri degenti. A sostenerlo, uno studio americano pubblicato sul British Journal of Anaesthesia. Gli autori hanno coinvolto nella loro ricerca un campione di over65 senza problemi cognitivi prima di interventi chirurgici. E hanno constatato che coloro che sono andati in stato Leggi tutto.

  • Se il cliente ha l’Alzheimer sono grattacapi per il notaio

    Cresce la preoccupazione dei notai francesi di avere a che fare con clienti colpiti da demenza e Alzheimer. Perché non sempre sono in grado di capire se la patologia compromette le loro capacità decisionali. A dirlo, un rapporto congiunto della Fondation Médéric Alzheimer e del Consiglio Nazionale del Notariato d'Oltralpe. Dal Leggi tutto.

  • Neppure la ginnastica previene l’Alzheimer

    Fare sport non è un atout contro il rischio Alzheimer. A sconfessare una teoria portata avanti da molte ricerche, uno studio appena pubblicato dall’istituto di ricerca medica francese INSERM. Che per ben 28 anni ha monitorato lo stile di vita di un vasto campione di persone tra i 35 e i 55 anni. Leggi tutto.

  • 10 raccomandazioni per prevenire l’Alzheimer

    Un terzo dei casi di Alzheimer potrebbe essere evitato se si seguisse uno stile di vita corretto. A dirlo, una commissione speciale della rivista The Lancet, che ha presentato il suo studio all’Alzheimer’s Association International Conference svoltasi a Londra. Dalla ricerca, sono emerse le 10 raccomandazioni dei medici per prevenire Leggi tutto.

  • Gli afroamericani vittime preferite dell’Alzheimer

    L’Alzheimer è più comune tra i neri che tra i bianchi. A sostenerlo, ben quattro nuovi studi internazionali sull’argomento presentati alla conferenza mondiale dell’Alzheimer’s Association svoltasi in questi giorni a Londra. Dai risultati ottenuti, raccolti su un vasto campione di over65 residenti negli Stati Uniti, è emerso che la popolazione Leggi tutto.

Editoriale