2) Mammoni per forza

di Federica Laudisa - 05.09.2011
2) Mammoni per forza
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Gli studenti italiani sono costretti a vivere con i genitori. Sebbene tale fenomeno sia comune ad altri paesi dell'Europa meridionale, l’Italia è quello in cui è più manifesto – il 73% vive in famiglia – superata solo da Malta con il 76%. All’opposto, negli stati scandinavi (Danimarca, Finlandia, Norvegia, Svezia), tale percentuale oscilla tra il 4 e il 12% degli studenti (Fig. 3).



Quali sono le possibili spiegazioni? Se certamente non può disconoscersi un elemento di carattere culturale, d’altro canto incidono su questo dato italiano molteplici fattori: la popolazione studentesca piuttosto giovane, mentre sono soprattutto gli studenti over 30 a vivere fuori casa; il fattore economico: i fuori sede hanno dei costi nettamente superiori a chi abita in famiglia, e il costo dell’alloggio è quello che pesa maggiormente nel budget di spesa; la diffusione degli atenei sul territorio o cosiddetta “università sotto casa” (che determina il pendolarismo); l’assenza di politiche abitative ovvero lo scarso numero di posti letto in residenze universitarie pubbliche (o, come accade in Francia, di contributi affitto erogati a tutti gli studenti): solo il 3% degli studenti risiede in un collegio universitario, differentemente in oltre la metà dei paesi “Eurostudent” le percentuali oscillano tra il 20% e più del 30% (Fig. 4).
Occorre tuttavia sottolineare che il livello di soddisfazione degli studenti italiani per la propria condizione abitativa è tra i più alti (84%) e particolarmente per chi vive a casa con i genitori (90%), il che può avere diverse spiegazioni: un tendenziale affiatamento familiare? una particolare cura dei genitori verso i figli anche in età indipendente?
Infine, coloro che alloggiano in residenza universitaria sono tra i più soddisfatti (73%) in comparazione agli altri studenti europei.


Mobilità internazionale


Il numero di studenti che svolge un periodo di studi all’estero risulta ancora piuttosto esiguo in tutti i paesi Eurostudent con un range che varia tra il 14% dei paesi del Nord Europa a meno del 5% dell’area del Sud-Est. L’Italia si colloca nell’estremo inferiore (Fig. 5): il 6% degli studenti ha un’esperienza di mobilità internazionale alle spalle svolta prevalentemente attraverso il programma Erasmus (78%).



Trascorrere un periodo di studio all’estero dipende fortemente dal background familiare: in quasi tutti i paesi chi ha genitori con elevato grado di istruzione partecipa a progetti di mobilità in percentuale superiore, ed in Italia lo scarto è particolarmente evidente. Se poi si considera che quanti non sono stati in mobilità indicano come maggiore ostacolo il motivo economico, e che sono soprattutto gli studenti provenienti da famiglie con basso livello di istruzione ad essere dissuasi dal fattore economico a recarsi all’estero, allora è chiaro quanto sia importante l’esistenza del sostegno pubblico per incentivare la mobilità internazionale. Questo è soprattutto vero in Italia dove è la famiglia la fonte primaria di finanziamento del periodo all’estero (lo dichiara il 63% degli studenti) (Fig. 6); viceversa, in oltre la metà dei paesi Eurostudent gli studenti indicano come fonte finanziaria primaria il supporto pubblico (Stato e UE).
Inoltre, il nostro Paese è quello che presenta la più alta percentuale di studenti che hanno ricevuto un aiuto economico dalla famiglia (85%), sebbene non manchino le differenze tra chi ha i genitori con elevato livello di istruzione (il 90% è stato aiutato per recarsi all’estero) e chi ha genitori con basso livello di istruzione (meno del 70% ha ricevuto un contributo economico). Di contro, nei Paesi Scandinavi si registra la minore quota di studenti supportati dalla famiglia, il che significa che l’aiuto famigliare è certamente meno decisivo nella scelta di partecipare ad un’esperienza di mobilità.
In generale in tutti i paesi vi è un alto livello di gradimento rispetto all’esperienza vissuta all’estero, soprattutto sotto il profilo della crescita personale e dell’apprendimento della lingua.

Pubblicato in .
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Il femminicidio dell’homo migrans

    Di femminicidio, ora, si muore anche nel Mediterraneo. È la novità venuta a galla in quest’ultimo, ennesimo, weekend di emergenza (e orrore) immigrazione tra le due rive del Mare Nostrum. Per capire cosa è successo, partiamo dalla fine. Quando ieri mattina la nave militare spagnola Cantabria è attraccata al porto Leggi tutto.

  • Per i rifugiati Ginevra e New York sono importanti ma non bastano

    Per un bilancio dei cinquant’anni di vita del Protocollo di New York che nel 1967 estese a tutti i rifugiati, i diritti che la Convenzione di Ginevra del 1951 riservava solo a quelli europei, abbiamo chiesto un aiuto al Professor Guy S. Goodwin-Gill. Giurista super esperto in materia d’asilo, oltre Leggi tutto.

  • Cupido più forte dei pregiudizi razziali

    Non avremmo mai immaginato di venire a sapere che i vituperatissimi (ma frequentatissimi) siti di incontri online potessero facilitare, con l’amore “al buio”, anche l’integrazione interraziale ed interetnica. Una sorta di eterogenesi dei fini che anche se per molti inimmaginabile è del tutto spiegabile. Visto che, come dice a conclusione Leggi tutto.

  • Basta una parola e nasce la fake news sull’immigrazione

    Quando si ha a che fare con l’immigrazione le parole pesano come macigni. E anche il più piccolo dettaglio può fare una grande, grandissima differenza. Emblematica, al riguardo, la velenosa bagarre scoppiata in Francia circa la presunta svolta “reazionaria” di Macron. Che secondo la denuncia, ripresa e autorevolmente rilanciata da Leggi tutto.

  • Sugli immigrati le statistiche USA smentiscono Trump

    L’America dell’immigrazione usa i numeri per non piegarsi ai diktat di Trump. Semplicemente dimostrando che i fondamentali delle sue affermazioni non stanno in piedi perché non veri. E’ quello che si evince da uno studio che la Brooking Institution, rielaborando gli ultimi dati dell’istituto statistico statunitense sulla popolazione di origine Leggi tutto.

  • In Italia per l’immigrazione ci vuole il modulo 2-3-4

    Visto quello che succede in giro nel mondo non bisogna essere dei grandi profeti per immaginare che anche da noi l’immigrazione sarà centrale nell’ormai prossima competizione elettorale. Ed un banco di prova, difficile ma non impossibile, per un programma elettorale riformista al passo con l’Europa e, soprattutto, con i tempi. Leggi tutto.