Tre consigli per aiutare i dislessici a scegliere l’università giusta

di Annalisa Lista - 17.02.2016
Tre consigli per aiutare i dislessici a scegliere l’università giusta
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Per aiutare i ragazzi dislessici a scegliere l’università più adatta a loro, l’AID (Associazione Italiana Dislessia) ha pubblicato sulla sua pagina web tre preziosi consigli.

1) Al compimento del 18° anno di età, è bene seguire l’iter previsto per il rilascio della diagnosi. Che, secondo la legge italiana, se ottenuta dopo la maggiore età ha validità per tutta la vita. Può accadere, ad esempio, di iscriversi a un test d’ammissione con un certificato aggiornato ai tempi delle scuole medie. In tal caso, la commissione può ritenere la diagnosi non valida e obiettare sull’uso degli strumenti compensativi. Perché la dislessia è un disturbo evolutivo e i bisogni cambiano tra i 13 e i 19 anni.

2) Visitare con largo anticipo il sito web dell’Ateneo in cui si intende presentare domanda di immatricolazione per reperire alcune informazioni fondamentali. Tra cui, ad esempio:

- Qual è l’ufficio che si occupa degli studenti con DSA e disabilità?

- Quali sono le modalità con cui comunicare il proprio disturbo dell’apprendimento?

- Chi è il Delegato del Rettore alla disabilità e qual è la sua mail istituzionale?

3)  Chiedere un appuntamento con gli addetti al servizio Disabilità o DSA, se ne esiste uno dedicato. È meglio incontrare di persona, con il dovuto anticipo, gli amministrativi che si occupano del servizio.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Il film di chi affianca i ciechi al cinema corre per la Palma d’oro

    “La bellezza di ciò che vediamo per l’ultima volta“. Con queste parole potremmo riassumere la trama di “Hikari”, film giapponese in concorso al Festival di Cannes. È la storia di una giovane donna che ha il compito di descrivere le immagini dei lungometraggi per gli spettatori non vedenti e che si Leggi tutto.

  • La lista dei campus estivi per ragazzi dislessici

    Sono tanti i campus estivi per i ragazzi con Difficoltà di Apprendimento (DSA) organizzati in varie Regioni italiane. Quest’iniziativa dell’AID (Associazione Italiana Dislessia) offre un'esperienza educativa e formativa unica, volta a stimolare l'autonomia di bambini e adolescenti, attraverso l'utilizzo di tecniche e strumenti informatici e favorirne la motivazione, l'autostima e Leggi tutto.

  • Così i ciechi sportivi possono correre la maratona

    Una piattaforma online per far incontrare non vedenti appassionati di corsa e corridori che si offrono come guide sportive per eventi amatoriali o maratone. È questo il principio alla base di “Comparte tu energía” (Condividi la tua energia), un punto di incontro sul web appena inaugurato in Spagna. L'obiettivo degli Leggi tutto.

  • Sei indicazioni utili per i maturandi dislessici

    Ecco le istruzioni e le modalità di svolgimento degli Esami di Stato per gli studenti dislessici illustrate dall’Associazione Italiana Dislessia e dal MIUR: 1) È possibile utilizzare tutti gli strumenti compensativi. 2) Si può usare il proprio PC con i software specifici installati per l’apprendimento, previo controllo fatto dalla Commissione per impedire Leggi tutto.

  • Così i non vedenti possono riscoprire i monumenti

    “Conoscere l’arte toccandola con mano”. È questo la sfida di Tooteko, startup culturale innovativa che ha sviluppato un nuovo metodo d’apprendimento basato su tatto e udito. Tooteko è, infatti, il nome del dispositivo che consente di conoscere la storia di un monumento semplicemente toccandolo: il tutto, grazie ad un anello Leggi tutto.

  • Quando la 104 non protegge dal trasferimento

    In Italia, un lavoratore che assiste un familiare disabile può essere spostato di sede se esistono esigenze aziendali effettive. Lo ha chiarito la Cassazione nel rigettare la richiesta di una dipendente della AUSL Roma A, di giudicare illegittimo il provvedimento con il quale era stato disposto il suo trasferimento in Leggi tutto.